Venerdì, 14 Febbraio 2020 08:52

L’AUDIZIONE/ Emiliano“decarbonizzazione passaggio obbligato ma per ora è tutto teorico. La Regione pronta a collaborare” In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

 La trattativa tra il governo e ArcelorMittal al momento appare "positiva", anche se si conoscono solo indiscrezioni, in particolare per la disponibilità indicata dal presidente del Consiglio alla partecipazione dello Stato condizionata all'avvio di un "preciso processo di decarbonizzazione". Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, nel corso dell'audizione alle Commissioni riunite Ambiente e Attività produttive della Camera, precisando che il processo di decarbonizzaizone "per ora è  del tutto teorico e su cui non c'è alcuna concretezza" ma che "convince" la Regione Puglia, disponibile a dare il suo contributo, pur riservandosi di esprimere un parere sul testo effettivo quando sarà noto.

 

Emiliano ha spiegato che la proposta della Regione di 'decarbonizzazione', cioè di produrre acciaio attraverso forni elettrici che funzionino a gas o idrogeno, è stata oggetto in Italia di "polemiche infinite", ma "giudicata molto interessante dall'Unione europea"; "nessun Governo, prima di quello in carica, ha mai dato riscontro sulle nostre numerose proposte di decarbonizzazione, neanche una lettera". "La Regione Puglia  - ha aggiunto - si è guadagnata il rispetto in seno all'Unione europea". Emiliano ha poi sostenuto che l'amministrazione regionale non si è mai espressa nè ha fatto "battaglie politiche" sulla chiusura o sul mantenimento dell'Ilva a Taranto; mentre la proposta sulla decarbonizzazione ha "ricevuto polemiche di chi voleva chiuderla e chi la voleva far funzionare nel vecchio modo". 

    Emiliano ha quindi spiegato che la Regione Puglia ha ritenuto incostituzionale la norma sullo scudo penale e considera l'eliminazione dell'immunità del tutto irrilevante.  Secondo Emiliano, ArcelorMittal ha preso spunto dall'eliminazione dello scudo "che appare del tutto irrilevante", per disdettare gli accordi.