Venerdì, 24 Gennaio 2020 05:47

IL PROGETTO/ Iniziativa nelle scuole per la prevenzione del gioco d’azzardo patologico tra i ragazzi In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

 Asl Taranto, Regione Puglia e Teatro Pubblico Pugliese insieme in un progetto per la prevenzione del gioco d’azzardo patologico rivolto ai ragazzi. Ci saranno laboratori teatrali nelle scuole di Taranto e provincia da gennaio a marzo 2020 mentre il talk “Fate il Nostro Gioco” andrà in senza martedì 28 gennaio al Teatro Fusco (ore 10.30): ingresso gratuito e aperto al pubblico. Il Dipartimento Dipendenze Patologiche Asl Taranto, si spiega, ha avviato un progetto di laboratori e attività teatrali nelle scuole di Taranto e provincia in seguito a un accordo di cooperazione con il Teatro Pubblico Pugliese. Il progetto, si afferma, è finalizzato a sensibilizzare i ragazzi e gli adolescenti alla prevenzione dalle dipendenze da gioco d’azzardo patologico ed è condotto dalle compagnie teatrali Crest di Taranto e Teatro delle Forche di Massafra.Le attività si articolano in una serie di interventi artistici a carattere laboratoriale e narrativo che si terranno da gennaio a marzo 2020 in 15 scuole secondarie di Taranto e provincia e un incontro al Teatro Fusco martedì 28 gennaio.

 

Con il talk “Fate il nostro gioco”, rivolto alle scuole coinvolte nel progetto e aperto al pubblico, si vuole proporre “il rigore e la meraviglia della scienza in una performance dal vivo per uno spettacolo “più pop di una conferenza, più seria di uno show, più divertente di quanto credi”. Qualcosa - si sottolinea - che va oltre la tradizionale conferenza, che unisce divulgazione matematica e denuncia sociale in una forma coinvolgente e divertente. In un’ora e mezza - si evidenzia - circa vengono smontate alcune delle più diffuse false credenze sul gioco d’azzardo e si restituisce il senso delle reali probabilità di vincere attraverso simulazioni di gioco, video e una continua interazione con il pubblico”. “L’obiettivo - si conclude - è quello di svelare le regole, i piccoli segreti e le grandi verità che stanno dietro all’immenso fenomeno del gioco d’azzardo in Italia e il modo migliore per farlo sia usare la matematica e la psicologia come una specie di antidoto logico per creare consapevolezza intorno al gioco e svelare i suoi lati nascosti”. Il progetto dei laboratori del Crest prevede invece, nelle scuole secondarie di secondo grado coinvolte, un’unica giornata all’interno della quale sarà tra l’altro sviluppata la presentazione dell’importanza e della conoscenza e prevenzione delle problematiche legate al DGA (Disturbo da gioco d’azzardo) con l’intervento degli operatori del Servizio per il gioco d’azzardo patologico e dipendenze comportamentali. Previsto infine il coinvolgimento diretto degli studenti: attraverso modalità differenti, gli studenti potranno rielaborare la storia e presentare il loro punto di vista. 

Letto 60 volte