Venerdì, 10 Gennaio 2020 17:57

LA TRATTATIVA/ I sindacati chiedono incontro urgente ad ArcelorMittal “superato l’ostacolo di Afo 2 vogliamo sapere come si intende far marciare lo stabilimento” In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

 

 

Intanto l’azienda si era resa disponibile per il 17 a seguito della richiesta partita un paio di giorni fa sull’accordo di settembre 2018

 

 


Ora che l’ostacolo dello spegnimento dell’altoforno 2 è stato superato, i sindacati vogliono incontrare ArcelorMittal per parlare dell'assetto produttivo dell'impianto. In particolare, Fim, Fiom e Uilm chiedono “un incontro urgente per conoscere nel dettaglio il piano di assetto di marcia dello stabilimento siderurgico. Riteniamo fondamentale - scrivono le sigle sindacali ad ArcelorMittal - avviare un confronto per conoscere nello specifico le scelte aziendali sia dal punto di vista della capacità produttiva che della conseguente ripartenza attualmente fermi”.

   È presumibile che dopo il pronunciamento del Riesame l’altoforno 2 sia gradualmente riportato verso un assetto di marcia normale. Ed è da vedere se ArcelorMittal, ora che l’altoforno 2 è tornato nella disponibilità del gestore, riterrà di programmare la fermata dell’altoforno 4 per manutenzione. Stop che era stato programmato qualche tempo fa ma che era stato rinviato in attesa di notizie definitive sul numero 2. 

Intanto l’azienda aveva già dato la propria disponibilità a un incontro da tenersi il 17 a Roma. 

 

L’incontro era stato chiesto un paio di giorni fa da queste ultime facendo presente che gli istituti contrattuali che fanno parte dell’intesa al Mise di settembre 2018 - quella che ha previsto il subentro di ArcelorMittal dal 1 novembre 2018 a Ilva in amministrazione straordinaria con la relativa assunzione del personale - devono “fin da ora” intendersi “senza soluzione di continuità”. 

All'incontro parteciperà per l'azienda Cosimo Liurgo,  responsabile relazioni industriali di ArcelorMittal Italia. Per la delegazione sindacale vi saranno Mirko Rota, coordinatore nazionale siderurgia della Fiom Cgil, Guglielmo Gambardella, responsabile siderurgia della Uilm e Valerio D'Alò, segretario nazionale Fim. Presenti anche i segretari generali della Uilm e della Fim, Rocco Palombella e Marco Bentivogli.

Letto 129 volte Ultima modifica il Venerdì, 10 Gennaio 2020 21:51