Martedì, 17 Dicembre 2019 15:36

CALCIO/ Taranto-Cerignola non omologata. I rossoblu rischiano lo 0-3 a tavolino per sospetta posizione irregolare di Kosnic In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Panarelli: “ Intanto il mercato vive la sua ultima settimana. In uscita De Letteris, Matute e Allegrini. In entrata il portiere Carriero del Benevento e il centrocampista belga del Rimini Van Ransbeeck.

 

 

 

Di Andrea Loiacono

 

 

 

Fulmine a ciel sereno in casa Taranto dopo il pari in extremis ottenuto dalla compagine rossoblù in rimonta per 2-2 contro il Cerignola. Si è appreso infatti che nelle scorse ore il Cerignola ha presentato ricorso e che il risultato non sarà omologato, in attesa della decisione del giudice sportivo. Oggetto del ricorso sarebbe il tesseramento del difnsore Kosnic, neo arrivato in casa rossoblù che sarebbe sceso in campo con la documentazione relativa alla sua posizione non ancora completata. Se così dovesse essere si materializzerebbe lo 0-3 a tavolino ai danni del Taranto. Intanto la società rossoblù con a capo il Presidente Giove e il Direttore Sportivo Vincenzo De Santis stanno studiando la rosa e scandagliando il mercato sia in entrata che in uscita in vista della fine del calciomercato prevista per lunedì prossimo. Nella settimana che comincia oggi bisognerà attendersi ulteriori movimenti. In primis per quanto riguarda il mercato in uscita potrebbero salutare Taranto i difensori Lanzolla e De Letteris poco utilizzati sin ora e il centrocampista Camerunense Kelvin Matute, anche lui voluto fortemente da Ragno ma poco schierato da Panarelli. Stesso discorso per il difensore Allegrini, giunto a Taranto con le stimmate del difensore esperto di categoria ma che per varie ragioni tra cui ripetuti infortuni non ha dato il suo contributo alla causa. Resta in dubbio la posizione di Genchi, l'attaccante barese ha ribadito in più di qualche circostanza di voler rimanere a Taranto e assumersi le responsabilità per lo scarso rendimento ma complici anche gli arrivi di Olcese e Goretta potrebbe essere ceduto. L'ultima parola però spetta a Panarelli il quale crede nel valore del ragazzo e non vorrebbe rinforzare squadre del girone H. Per quanto riguarda la situazione in entrata il Taranto ha raggiunto l'accordo con il portiere della primavera del Benevento Stefano Carriero di cui si dice un gran bene; tuttavia l'estremo difensore sarà disponibile a partire da gennaio allorquando si aprirà il mercato di Lega Pro. In difesa piace il difensore classe 92' Andrea Petta, ex del Bisceglie attualmente in forza alla sicula Leonzio. A centrocampo un nome caldo è quello del belga Van Ransbeeck che andrebbe numericamente a coprire il vuoto lasciato da Galdean. In attacco come dicevamo molto dipenderà dalla situazione di Genchi. Con Favetta, Olcese, Goretta e Genchi il reparto sarebbe al completo. Se dovesse partire l'ex Monopoli il nome circolato con insistenza è quello di Alessandro De Vena, ex di Lucchese, Casertana e Avellino attualmente al Giugnliano. Su questo calciatore c'è però da battere la concorrenza di club d serie D e Lega Pro.

 

 

 

Alla fine della gara di domenica scorsa contro il Cerignola proprio il DS De Santis ha fatto un punto della situazione sul momento e sul mercato: “ Si è trattato della mia prima partita nella dirigenza del Taranto. É stata una partita nella quale abbiamo reagito a un doppio svantaggio immediato; abbiamo avuto una reazione importante. Credo che tra il primo e i secondo gol ci sia stato tolto più di qualcosa e in più giocare contro una squadra come il Cerignola ben attrezzata non è facile. Adesso dobbiamo stare sereni e lavorare per migliorarci, solo così possiamo uscire da questo momento grigio. L'ambiente di certo non ci aiuta ma dobbiamo far cambiare idea ai nostri tifosi. Per quanto riguardo il mercato sicuramente qualcosa faremo, vedrete nei prossimi giorni.”

 

Letto 243 volte