Sabato, 14 Dicembre 2019 07:19

LA TRATTATIVA/ Commissari, negoziatore e azienda convengono sull’opportunità di chiedere un aggiornamento dell’udienza davanti al Tribunale di Milano In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Nonostante tutte le difficoltà, ArcelorMittal, commissari di Ilva in amministrazione straordinaria e il negoziatore incaricato dal Governo, il presidente Saipem , Francesco Caio, continuano a trattare per vedere se è possibile arrivare ad un nuovo accordo per una “nuova” Ilva. Ieri si sono incontrati e lunedì si incontreranno di nuovo. Si è convenuto affermano fonti vicine al dossier contattate da AGI - nel far chiedere agli avvocati delle parti un aggiornamento dell’udienza del 20 dicembre al Tribunale di Milano. Tra pochi giorni, infatti, c’è il secondo appuntamento davanti al giudice per discutere del ricorso cautelare urgente che Ilva in as ha presentato a novembre (si tratta di un articolo 700 del Codice di procedura civile) per ribattere all’atto di citazione presentato da ArcelorMittal nei confronti dei commissari e per contrastare l’abbandono della multinazionale attraverso il recesso dal contratto di fitto.

 

 La prima udienza sul ricorso cautelare si è tenuta il 27 novembre a Milano e in quella sede i legali chiesero al giudice un aggiornamento perché era volontà delle parti - pochi giorni prima i Mittal avevano incontrato il premier Conte - trovare un accordo. Fu così fissato l’aggiornamento al 20 dicembre. Adesso l’accordo ancora non c’è ma ArcelorMittal e Ilva in amministrazione straordinaria stanno provando a raggiungerlo. C’é ovviamente bisogno di tempo, di lavoro, di mediazione perché i nodi da sciogliere non sono pochi e sono anche complicati. Ieri le parti hanno espresso la volontà di andare avanti. A quanto pare, al magistrato verrebbero indicati due-tre punti su cui è in corso il confronto. Molto verte sulla ristrutturazione della fabbrica. Si lavora, spiegano le fonti ad AGI, per produrre a Taranto un acciaio “verde” intendendo con questo parziale abbandono dell’attuale ciclo integrale basato sulla trasformazione dei minerali e uso sia del preridotto di ferro negli altiforni, sia dei forni elettrici. Questo dovrebbe portare ad un contenimento delle emissioni inquinanti. Non si sarebbe ancora parlato - o quantomeno non se ne sarebbe discusso in termini approfonditi - della forza lavoro che è un tema spinoso, anche perché ArcelorMittal, a distanza di pochi giorni, prima ha dichiarato 4700 esuberi entro il 2023, di cui 2900 in una fase immediata, e poi la cassa integrazione straordinaria per 3500 addetti a Taranto.Circa la riunione di oggi, il clima viene definito “disteso. Magari si parte in modo contrastato - spiegano ancora le fonti, ma poi l’atmosfera migliore e si discute”. L’aggiornamento dell’udienza del 20 dicembre dovrebbe essere chiesta il giorno stesso.