Giovedì, 14 Novembre 2019 06:30

CRISI DELL’ACCIAIO/ ArcelorMittal, parte da Genova la proposta di uno sciopero europeo In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Otto consigli di fabbrica da tutta Europa riuniti nel capoluogo ligure

“La crisi della siderurgia attraversa tutta l'Europa e la necessità di collegare a livello europeo le battaglie dei lavoratori è più che mai evidente. E' una vecchia storia, quando gli affari vanno bene i grandi gruppi fanno i miliardi ma se il ciclo rallenta lo vogliono far pagare ai lavoratori. Per questo serve un sindacato europeo, una contrattazione europea e uno sciopero europeo". 

Lo dicono in una nota unitaria i consigli di fabbrica di Dunkerque, Fos sur mer, Brema, Duisburg, Amburgo, Eisenhuttenstadt, Liegi e Genova. Riuniti da mercoledì mattina a Villa Bombrini, ospiti della Fiom genovese, per il coordinamento europeo dei consigli di fabbrica della siderurgia, i rappresentanti dei lavoratori hanno discusso anche della delicata situazione italiana. Il coordinamento ha espresso solidarietà con i lavoratori ex Ilva precisando che "i lavoratori sono gli unici che possono difendere i propri interessi" e che "occorre anche alzare lo sguardo e collegare le lotte dei metalmeccanici in un quadro europeo". 

 

A testimoniare le ripercussioni che la crisi sta già avendo in ambito europeo  sono  le grandi manovre della multinazione ArcelorMittal a Taranto e in Polonia dove l’azienda ha bloccato la produzione nei tre altoforni a Cracovia e Dabrowa Gornicza.

Letto 110 volte