Martedì, 21 Maggio 2019 14:47

CALCIO/ Taranto: In finale play-off arriva un'umiliante sconfitta. Giove non rinnova la fiducia a Panarelli In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Avvieremo un nuovo progetto tecnico con un allenatore più esperto. Continueremo a perseguire la strada del ripescaggio.”

 

di Andrea Loiacono

 

Il Taranto più brutto della stagione, troppo brutto per essere vero, cade per 5-1 sotto i colpi del Cerignola che vince meritatamente i play-off dopo una partita senza storia. Le assenze di Esposito, Marsili e Oggiano non rappresentano una valida attenuante per quanto visto sul green del “Monterisi”. Le scelte iniziali di mister Panarelli e il solito atteggiamento del Taranto formato trasferta precludono al Taranto di salvare la faccia in una stagione che aveva mostrato motivi per cui essere comunque ottimisti. A fine gara si presenta ai microfoni delle tv ioniche il Presidente Massimo Giove che, nel commentare la partita, spazza il campo da qualsiasi dubbio sul prossimo futuro: “Si è trattato di una sconfitta senza appello, non me l'aspettavo neanche io; chiedo scusa a tutti, in primis ai miei tifosi. È stata la peggiore sconfitta della stagione, ma non credo ci fosse uno scarto di 4 gol tra noi e il Cerignola. Questa prestazione ha determinato un risultato eccessivo. Vanno comunque fatti i complimenti al Cerignola per il grande campionato e per la partita odierna. Forse la tensione oggi ci ha imballato il pensiero e le gambe, anche perché in settimana non avevo avuto segnali che qualcosa non andasse. Prendiamo atto che abbiamo fatto male in questa finale ma restiamo in lizza per il ripescaggio. Ripartiremo con un progetto tecnico diverso; ringrazio mister Panarelli per tutto quello che ha fatto. Adesso cercheremo un tecnico con più esperienza che magari abbia già vinto qualcosa. Cercheremo di capire se disputeremo la Lega Pro o la Serie D ma di sicuro ci sarà un Direttore Sportivo che si occuperà degli aspetti tecnici.”

 

Molto deluso in volto è apparso mister Panarelli che si aspettava un Taranto completamente diverso: “Non si può perdere in questa maniera; la partita più importante dell'anno non andava giocata così. Il Cerignola rispetto a noi faceva circolare la palla con troppa scioltezza, hanno corso di più. Non credo che questa sconfitta sia il frutto di scelte o sistemi di gioco, bensì di una scarsa personalità evidenziata anche in altre partite. Evidentemente su questo ho le mie colpe. Abbiamo rovinato tutto quello che di buono abbiamo fatto durante la stagione, perché di solito di un campionato ci si ricorda l'inizio e la fine. Ma noi comunque abbiamo disputato delle ottime partite nell'arco della stagione. Penso alla partita dello Iacovone contro il Cerignola stesso. Però purtroppo quando manca il carattere non si può giocare a calcio; sono amareggiato e non voglio prendermela con nessuno ma prenderei tutta la squadra a calci, compreso me stesso. Uscire in questo modo mi mette un senso di vergogna, mi scuso con tutti i tifosi e la società. Da tarantino avrei voluto chiudere in maniera diversa questo campionato. Le partite si perdono ma non in questo modo; io da calciatore ci ho messo sempre la grinta per raggiungere gli obiettivi e così sono arrivato anche in Serie A. Se non si ha “fame” nel calcio come nella vita non si va da nessuna parte.”

 

Raggiante è invece il Presidente gialloblu Nicola Grieco: “Oggi è una giornata storica per la città di Cerignola. Dedichiamo questa vittoria ai nostri concittadini che speriamo siano felici. Non mi aspettavo una partita così decisa da parte dei miei ragazzi e allo stesso tempo non credevo in un Taranto così dimesso. Noi abbiamo dato il massimo e siamo felicissimi, mi spiace per il Taranto che allo Iacovone ci ha accolto benissimo e ha fatto un campionato importante. Mi auguro di vederlo insieme a noi in Lega Pro il prossimo anno. Adesso ci godiamo questa festa e pensiamo al ripescaggio; noi siamo pronti e penso che al 90% siamo in Lega Pro. Ho preso la squadra in Prima Categoria ottenendo tre promozioni di fila, questa sarebbe la quarta. Reputo il fondo perduto una cosa ingiusta ma se serve per salire in Lega Pro noi lo verseremo.”

 

Letto 111 volte