Mercoledì, 21 Novembre 2018 15:55

PORTO/ Taranto: Tar rinvia udienza, Authority va avanti​ In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il Tar di Lecce oggi ha rinviato ad una nuova udienza a gennaio 2019 il ricorso che il Consorzio Set ha presentato per l’annullamento degli atti e dei provvedimenti assunti dall’Autorità di sistema portuale del Mar Ionio nei confronti dei turchi di Yilport. Quest’operatore portuale-marittimo (tredicesimo al mondo) ha chiesto in concessione per 49 anni la banchina del molo polisettoriale del porto di Taranto. Il rinvio a gennaio è stato concesso su richiesta della parte ricorrente. Sergio Prete, presidente dell’Authority di Taranto, annuncia però che si va avanti lo stesso nel rilascio della concessione del molo (esclusa la calata cinque e le aree retrostanti) a Yilport. “Non c’è alcuna sospensiva - dichiara Prete - e i lavoratori, gli operatori diretti e indiretti e la stessa città di Taranto hanno necessità di avere una seria opportunità di rilancio del porto di Taranto”. Yilport ha infatti annunciato la ripresa dei traffici container (difatto azzerati dal 2015,da quando cioè Evergreen, precedente concessionario del molo, ha abbandonato Taranto) e di merci varie unitamente ad attività ro-ro e logistica.- Yilport intende anche assorbire gradualmente i lavoratori ex Evergreen che, dopo un lungo periodo di cassa integrazione, sono attualmente in carico all’Agenzia per il lavoro portuale. Proprio ieri il comitato di gestione dell’Autorita portuale di Taranto, confermando il parere favorevole già espresso dalla commissione interna, aveva dato il via libera a Yilport giudicando rilevante l’offerta avanzata ai fini del rilancio dello scalo. È proprio questo motivo della rilevanza aveva portato nei mesi scorsi l’Authority a concentrarsi su Yilport come unico soggetto concessionario del molo polisettoriale, fermando il prosieguo dell’istruttoria di valutazione sulle altre offerte, tra cui quella del consorzio Set. Quest’ultimo, dopo aver avanzato delle osservazioni all’Authority, ha depositato ricorso al Tar l’ultimo giorno di pubblicazione della richiesta concessoria di Yilport. Una precedente udienza al Tar c’è stata ad ottobre, ma non si tenne per un difetto di notifica, e quella di oggi era di aggiornamento. Oggi, infine, hanno espresso consenso all’ok dell’Authority verso Yilport anche i sindacati dei trasporti Cgil, Cisl e Uil che hanno invitato l’Authority stessa a portare avanti il completamento infrastrutturale del porto di Taranto.

Letto 156 volte