Giovedì, 20 Settembre 2018 06:06

PALAGIANO /Festa dell’accoglienza all’Istituto Comprensivo “Giovanni XXIII” In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

NELLA SCUOLA PRIMARIA MARY POPPINS ACCOGLIE GLI ALUNNI DI PRIMA

Rosa Guerriero

Per tanti piccoli alunni palagianesi, assiepati e scalpitanti all’ingresso della scuola, quella di oggi è stata una giornata molto speciale, i cancelli della primaria si sono aperti e sono entrati nel nuovo ciclo di studi. Nei volti dei piccoli scolari era impressa l’emozione del primo giorno, la timidezza e l’imbarazzo tipici dell’infanzia, la felicità e la soddisfazione di essere diventati un po’ più grandi. L’inizio dell’anno scolastico, per loro, non ha significato soltanto il ritorno tra i banchi, ma anche il ben più importante passaggio dalla scuola dell’infanzia alla primaria, dove per cinque anni impareranno le basi della lingua e della cultura italiana, della matematica e delle scienze, della storia e della geografia ma, soprattutto, a relazionandosi con gli altri. Hanno dato loro il benvenuto le insegnanti di prima e di quinta e gli alunni delle classi quinte con canti e giochi svolti nel cortile della scuola. In seguito ad ogni bimbo è stato consegnato un medaglione con scritto il proprio nome e la classe di appartenenza. Sorpresa per tutti i presenti è stato l’ingresso di Mary Poppins, impersonata dall’insegnante Marangione Leonardache ha coinvolto gli alunni di prima in giochi e li ha accompagnati all’ingresso della scuola con il taglio del nastro. Durante la manifestazione è intervenuta la dirigente Antonia Lentino che ha augurato buon lavoro a tutta la comunità scolastica. A metà mattinata nel cortile della scuola vi è stata la visita del primo cittadino, Domiziano Lasigna e di alcuni componenti la giunta comunale. Sindaco, alunni e tutti i presenti hanno cantato insiemee con grande partecipazione, l’inno di Mameli “Fratelli d’Italia”dando così vita a un momento importante di unione sociale collettiva. Il sindaco ha poi salutato tutti i presenti ringraziandoli per l’accoglienza ricevuta e si è soffermato sulla figura dell’insegnante paragonandola ad un faro, un esempio di vita. Ha quindi invitato gli alunni ad impegnarsi nello studio perché questo rende liberi e ci permette di costruire il nostro futuro.

 

Letto 88 volte