Martedì, 22 Maggio 2018 13:29

SPECIALE SCUOLA COLOMBO -5 / Ambiente e salute, due beni da difendere In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(6 Voti)

Il 10 aprile nell’aula magna della scuola Colombo abbiamo assistito ad un incontro di presentazione del progetto "Impatto sulla salute da esposizione ad inquinanti ambientali nelle aree di Brescia e Taranto ".

Il progetto ha come obiettivo quello di valutare la correlazione tra l’esposizione ad inquinanti ambientali e i possibili effetti neurotossici nei bambini e nei ragazzi delle aree di Taranto e Brescia.

All’incontro ha partecipato il personale sanitario del Dipartimento di Prevenzione della ASL di Taranto, in collaborazione con l’Università degli Studi di Brescia.Il progetto è la prosecuzione e l'ampliamento di altri studi condotti nella provincia di Brescia e di Taranto che rappresentano aree rilevanti nel territorio italiano ed europeo per la presenza di attività industriali.

Lo studio ha lo scopo di valutare i possibili effetti neurotossici derivanti dall’esposizione ad inquinanti ambientali. Il dipartimento della ASL si è soffermato ad analizzare gli effetti sul neuro-sviluppo, dell'esposizione a metalli neurotossici, in gruppi di popolazione in età evolutiva (6-11 anni).

Gli inquinanti identificati, nelle aree di Brescia e di Taranto,sono  metalli come ARSENICO,CADMIO,MANGANESE,MERCURIO e PIOMBO, che possono essere dannosi alla salute delle popolazioni esposte. Misurando la quantità presente nel corpo umano di un tale agente si può individuare il grado di "contaminazione interna”, e poter prendere così tempestive ed appropriate decisioni nei confronti di gruppi di popolazione particolarmente " esposti ". Il progetto presentato a scuola dagli operatori della ASL prevede l'arruolamento dei partecipanti sulla base della frequenza degli Istituti Scolastici dei territori selezionati a priori, a differenti distanze dai siti industriali. La procedura si articola 5 fasi e necessita una seria collaborazione da parte dei ragazzi e delle relative famiglie. Si partirà nel sottoporre i partecipanti ad un prelievo di sangue per il dosaggio dei metalli, a cui seguiranno altri campioni (urina, saliva, capelli ecc.) I campioni verranno raccolti con metodiche standardizzate e inviati in laboratori di Strutture Nazionali ed Internazionali che collaborano a questo progetto. In seguito i partecipanti verranno invitati ad eseguire test neuro-comportamentali e sensoriali, mentre i genitori compileranno un questionario relativo a informazioni anagrafiche del proprio figlio.

I genitori presenti in sala sono apparsi incuriositi e motivati, hanno incominciato a fare domande agli operatori su eventuali rischi e controindicazioni. La professoressa Picciarelli si è riservata di dare tutta la sua collaborazione per la riuscita del progetto, partendo dalla distribuzione di buste contenenti le diverse informazioni per i minorenni e la dichiarazione di consenso informativo per i genitori. Ancora una volta la nostra scuola ha dimostrato una particolare sensibilità verso l’ambiente e la ricerca.

 

 

                                                                                  Abbatangelo-Chiara Capozzi