Lunedì, 21 Maggio 2018 12:18

PALAGIANO - Festa grande per i 100 anni di zia Ninnì, al secolo Pasqualina Annicchiarico In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)

HA tagliato, giovedi scorso, il traguardo dei 100 anni Pasqualina Annicchiarico (nella foto), affettuosamente chiamata da tutti “zia Ninnì”. Nata nel lontano maggio del 1918 a Palagiano, zia Ninnì è rimasta molto presto vedova, dopo appena 4 anni di matrimonio, del consorte Francesco Scialpi deceduto nel lontano 1980. A quel punto la sua vita si è legata al suo unico figlio Antonio Scialpi (nella foto) e al suo lavoro di bidella presso la scuola elementare “Giovanni XXIII”, come lei stessa ha tenuto a precisare, la “centrale”. Oltre all’affetto del figlio non manca alla centenaria il calore dei suoi numerosi nipoti e pronipoti, oltre una trentina.

Il lavoro di bidella le ha permesso di conoscere, negli anni, tanti allievi che in lei riconoscono doti di rara umanità.  

Pur attraversando momenti difficili, legati a una tragedia come la guerra, o a dolori personali che segnano la storia di ognuno, zia Ninnì è sempre stata molto forte, gioviale e ottimista come può testimoniare chi la conosce. Nel corso della giornata tante le visite ricevute tra cui quella del sindaco Domiziano Lasigna che nella circostanza, a nome della cittadinanza, ha fatto i complimenti alla centenaria per il secolare traguardo raggiunto e nel contempo rilasciato una targa a ricordo della giornata. Anche il vescovo mons. Claudio Maniago ha voluto presentare le felicitazioni alla parrocchiana più longeva (presumibilmente) della diocesi di Castellaneta. Per tutto il pomeriggio del 17 maggio, vi sono state visite di amici, conoscenti e semplici persone desiderose di conoscere la donna più longeva di Palagiano e nel contempo farle gli auguri oltre agli immancabili selfi, ormai diventati momenti immancabili di vita e di storia di ognuno. Per tutto il pomeriggio fino a sera nei pressi della sua abitazione, traversa di via Sansonetti, si sono svolti i festeggiamenti in suo onore con canti e balli prevalentemente dell’epoca della festeggiata.  

A.N.

Letto 126 volte