Venerdì, 23 Marzo 2018 10:01

SPETTACOLI - Castellaneta, "Una volta al mese" tra emozioni e cultura. Fabio Salvatore: "Sono stati mesi intensi, carichi di racconti di vita" In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

“Tutto viene da lontano, dall’incontro con Serena Dandini in una calda sera d’estate. È iniziato un percorso che sabato sera si è chiuso con Corrado Fortuna e la sua emotiva esperienza sull’amore e la libertà”. 

Con queste parole, Fabio Salvatore, direttore artistico della rassegna “Una Volta al Mese” e del “Magna Grecia Awards Fest”, chiosa l’ultimo appuntamento del cartellone culturale del Comune di Castellaneta.

“Ho lanciato una sfida a me stesso che è stata colta. E la risposta è stata la condivisione”, continua lo scrittore. “Partendo dalla poesia di Giovanni Caccamo, passando per Gianluigi Paragone, Chiara Francini, Gianluigi Pardo, Marco Cappato, Walter Veltroni, Carolyn Smith, Simone Cristicchi, Andrea Scanzi, Michele Riondino e chiudendo con la forza eccletica di Corrado Fortuna. Non è stato facile ma la partecipazione mi ha spalancato il cuore. Oltre 2.000 presenze, che rappresentano la voglia di aggregazione che la cultura sa essere”.

“Possiamo essere su piani diversi culturali e umani, per formazione ed esperienza, ma auguro a questa terra di essere sempre più protagonista”, commenta ancora Salvatore.

“È stato incredibile vedere tanti ragazzi, studenti, che si sono appassionati alla nostra “trama” in questi mesi. A loro dobbiamo guardare per togliergli lo sguardo dalle tastiere e incentivare i loro sogni e le loro menti. Da oggi inizia il mio cammino per l’Italia con il nuovo racconto “Buio e Luce” (edito da San Paolo) che rappresenta un tassello di dignità per chi come me conosce il dolore fisico e morale. La “fibromialgia” che mi attanaglia da due anni merita un riconoscimento, perché siamo stanchi di essere invisibili. Ci becchiamo allora in libreria -conclude Salvatore - in attesa del Magna Grecia Awards che quest’anno per la sua ventunesima edizione, sceglie la città di Bari, il 26 maggio”.

 

Letto 372 volte