Lunedì, 05 Marzo 2018 13:15

CALCIO - Taranto: i rossoblu in dieci ottengono un prezioso pari a Nardò. Capua e Bilotta: "Abbiamo dimostrato di essere una grande squadra" In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)

di Andrea Loiacono

 

In una giornata caratterizzata dal lutto su tutti i terreni di gioco a livello nazionale per la scomparsa del capitano della Fiorentina Davide Astori, il Taranto ottiene un pareggio per 1-1 sul campo del Nardò che per quasi tutto il secondo tempo ha giocato in superiorità numerica per l'ingiusta espulsione comminata al difensore ionico Francesco D'Angelo. C'è anche da dire che il vantaggio dei neretini è giunto su un calcio di rigore e che anche mister Cazzarò è stato espulso dal direttore di gara per proteste. Ma i rossoblù hanno saputo reagire, trovando il pari grazie a un'invenzione di Cristiano Ancora che dalla corsia mancina è sceso sul fondo e ha fatto partire un cross teso per la testa di Capua che ha insaccato alle spalle dell'ex Mirarco. In generale si è trattato di una partita a tratti spigolosa giocata più nel secondo tempo che nel primo. Al termine dell'incontro il vicepresidente del Taranto Giuseppe Giove ha parlato del suo allontanamento dalla panchina: “ Nella circostanza dell'espulsione di D'Angelo ho urlato il mio disappunto e il guardalinee ha indicato all'arbitro di espellermi. Ritengo che per tutta la gara ci sia stata una distribuzione dei cartellini differente fra noi e loro. Devo comunque fare i complimenti alla squadra che in dieci e con tanti infortunati ha disputato una partita generosissima. Ci siamo insediati in seno alla società soltanto qualche mese fa, penso che se fossimo arrivati prima a quest'ora saremmo a giocarcela col Potenza per la vittoria finale. Il nostro obiettivo è quello di riportare il Taranto nelle categorie che gli competono ma c'è bisogno della collaborazione di tutti.” In casa Nardò l'amarezza per una vittoria sfuggita in superiorità numerica è tanta e si evince dalle parole del mister Taurino: “ Oggi sono arrabbiato con i miei ragazzi. Ogni volta che rimaniamo in superiorità numerica non riusciamo a sfruttarla subendo addirittura il gioco degli avversari. Questo non va bene, abbiamo giocato una partita straordinaria di sacrificio per arginare una squadra molto forte come il Taranto e poi ci facciamo raggiungere per l'ennesima ingenuità. Se nel calcio si vuole fare strada bisogna imparare in fretta dai propri errori e porvi rimedio.” In casa Taranto il bomber di giornata è stato il centrocampista Giuseppe Capua autore della sua seconda rete in rossoblù: “Sono felice per la mia rete ma ancor di più per la prestazione della squadra. Non è arrivata la vittoria ma abbiamo reagito con carattere all'ennesimo rigore subito trovando un pari meritato. Il nostro obiettivo deve essere quello di continuare su questa strada e riprendere a vincere già da domenica prossima. Io personalmente pur non giocando molto mi sto allenando sempre bene cercando di farmi trovare pronto nel momento del bisogno e quando il mister mi chiama in causa do tutto me stesso. Il gol di oggi lo dedico alla mia squadra e alla famiglia di Davide Astori che sta vivendo un vero e proprio dramma.” Alle parole di Capua fanno eco quelle di Andrea Bilotta giovane difensore rossoblù: “ Oggi abbiamo giocato su un campo difficile. Loro hanno impostato la partita sull'agonismo e l'arbitro in qualche circostanza ci ha penalizzato come nella circostanza dell'espulsione di D'Angelo. Da quel momento mi sono spostato in posizione di difensore centrale, un ruolo nuovo ma che ho già ricoperto in altra circostanze. Il nostro obbiettivo deve essere quello di proseguire su questa strada e cercare di migliorare la classifica.”

Letto 287 volte