Lunedì, 26 Febbraio 2018 11:43

CALCIO - Taranto: i rossoblu grazie a Galdean e D'Agostino (doppietta) battono il Francavilla in Sinni. Mister Cazzarò: "Troppa ansia nel primo tempo, meglio nella ripresa" In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)

di Andrea loiacono

 

Un Taranto poco divertente nel primo tempo ma cinico nella ripresa batte in casa il Francavilla in Sinni per 3 a 1 e grazie anche alla pari del Cerignola si porta a un solo punto dalla terza posizione di classifica. Davanti a circa tremila spettatori la formazione di mister Cazzarò scende in campo con un atteggiamento diverso soprattutto in alcuni uomini. Infatti il tecnico tarantino lascia in panchina Favetta lanciando dal primo minuto Diakitè. Restano inizialmente a guardare anche Miale, afflitto da un problema muscolore e Lorefice il cui posto viene preso da Portoghese. Dall'altra parte mister Lazic risponde con uno schieramento più prudente affidandosi alle ripartenze e le conclusioni dell'esperto bomber Volpicelli. Pronti via e il Taranto va subito in vantaggio con Galdean che scaraventa in rete dalla distanza un cross di Marsili proveniente da calcio d'Angolo. La gioia però dura solo pochi minuti perché Rosania commette fallo in area e dagli undici metri Volpicelli ristabilisce la priorità. A questo punto il Taranto accusa il colpo ma viene tenuto in vita dal suo portiere abile in un paio di circostanze a fermare gli avanti lucani. Da segnalare poco oltre la mezz'ora un tiro di D'Agostino finito di poco alto. Il primo tempo non riserva ulteriori emozioni. L'inizio della ripresa sembra partire sempre con il Francavilla in attacco che colpisce un palo di Volpicelli ma il Taranto dopo un po' aumenta i giri del motore e comincia a fare sul serio. Prima è Marsili a colpire il palo e poi Ancora impensierisce il portiere avversario con una conclusione dal limite. A questo punto mister Cazzarò schiera la squadra a due punte con l'ingresso di Favetta al posto di Galdean e quello di Lorefice per Portoghese. Gli spazi si aprono più facilmente e il Taranto trova il gol con D'agostino che dal vertice destro dell'area di rigore sigla il raddoppio. Al Francavilla saltano i nervi e rimane in dieci per un fallo di un suo calciatore a centrocampo e il Taranto dilaga: Ancora conclude dal limite, il portiere non trattiene la sfera e per D'Agostino è impossibile sbagliare il tap in per la sua sesta rete in rossoblù. C'è ancora tempo per un'altra espulsione comminata a un giocatore lucano e poi arriva il triplice fischio che sancisce la settima vittoria nelle ultime nove gare per il Taranto.

 

Al termine della gara mastica amaro il tecnico dei lucani mister Lazic: “ Sapevamo di affrontare una squadra costruita per vincere. Nonostante questo siamo venuti qui a fare la nostra partita disputando un ottimo primo tempo. Peccato che come spesso accade nella ripresa ci siamo disuniti consentendo al Taranto di farci male con i suoi uomini migliori come D'Agostino che è stato abile a smarcarsi dalla marcatura che avevo preparato su di lui. Comunque complimenti al Taranto, ritengo che se non avesse sbagliato i primi due mesi adesso starebbe lottando per la vittoria del campionato. Noi abbiamo bisogno di rialzare la testa per centrare la salvezza, non sarà facile ma dobbiamo centrare per forza il nostro obiettivo.”

 

Di umore diametralmente opposto è mister Cazzarò che appare rilassato dopo una partita non semplice da portare a casa: “Abbiamo fatto gol subito su uno schema da calcio d'angolo che proviamo spesso in allenamento, poi è arrivato il calcio di rigore subito che ci ha portato parecchia ansia, eravamo un po' in confusione, probabilmente per la troppa voglia di segnare subito. Invece il nostro compito deve essere quello di scendere in campo per divertirci. I ragazzi in questo momento stanno facendo qualcosa di straordinario e il merito è tutto loro. Nel secondo tempo sono passato al 4-2-4 per aprire la difesa avversaria e consentire ai nostri giocatori di qualità di andare al tiro maggiormente. Se mi chiedete come mai questa squadra alle volte sembra essere un po' sulle gambe vi rispondo che non è semplice allenarsi tutte le settimane sul campo B nelle condizioni in cui si trova. Non è una polemica solo una costatazione. Anche questa settimana abbiamo subito degli infortuni muscolari che credo dipendano da questi. Ora faremo degli accertamenti per verificare l'entità degli infortuni di Miale e Capua.

 

Protagonista in campo con la sua seconda doppietta in rossoblù è sicuramente D'Agostino che mostra di essere a suo agio anche davanti ai microfoni dei giornalisti: “Sono felice di aver segnato per la prima volta allo Iacovone. Lo sono ancora di più perché questo è conciso con la vittoria della squadra. Nel primo tempo probabilmente non ci siamo espressi al meglio ma confermo quanto detto dal mister, nei primi tempi facciamo fatica ad abituarci al campo A perché il manto erboso è perfetto e soffice mentre tutta la settimana ci alleniamo al campo B che spesso è al limite del praticabile. Ritornando alla partita posso dire che nel secondo tempo credo si sia vista una sola squadra in campo, devo ringraziare i miei compagni che mi mettono nelle condizioni di segnare e elogiarli perché da quando sono arrivato stiamo dimostrando di essere un rande gruppo ottenendo risultati straordinari. Il cambio del modulo con il passaggio al 4-2-4 probabilmente ci ha agevolato ma personalmente ritengo sia l'aspetto del sacrificio l'uno per l'altro a essere determinante.”

 

Letto 349 volte Ultima modifica il Lunedì, 26 Febbraio 2018 11:48