Lunedì, 12 Febbraio 2018 17:38

CALCIO - Taranto: i rossoblu battono 1 a 0 il Pomigliano e allungano la serie positiva. Pellegrino: "Abbiamo gestito bene il vantaggio", D'Angelo: "Vittoria sofferta e importante ottenuta grazie al sostegno dei tifosi" In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)

di Andrea Loiacono

 

Un Taranto poco bello ma cinico batte il Pomigliano nella sesta giornata di ritorno disputata allo Iacovone, grazie a una rete siglata di testa dagli sviluppi di calcio d'angolo da Miale. Con questa vittoria i rossoblù allungano a 7 la striscia di risultati utili consecutivi, rosicchiando qualche punto sulla seconda piazza occupata dalla Cavese, sconfitta in casa dal Cerignola. Passiamo alla cronaca. Mister Cazzarò conferma il 4-2-3-1 ma deve rinunciare allo squalificato Rosania in difesa, sostituito da D'Angelo, e all'esterno under Li Gotti, il cui posto viene preso da Cacciola. Il Taranto indossa la tradizionale casacca a strisce verticali rossoblù.

 

All'8' Ancora entra in area e lascia partire un cross che attraversa tutto lo specchio della porta senza che Favetta riesca ad intervenire. Al 9' primo calcio d'angolo in favore del Pomigliano. Al 18' c'è il primo tiro della partita: lo scaglia Labriola con Pellegrino che blocca in presa agile. Al 23' punizione di D'Agostino per il Taranto con la sfera che passa sotto la barriera e viene poi bloccata dal portiere campano. Al 32' il Taranto passa in vantaggio. Marsili dalla destra batte il terzo calcio d'angolo per gli ionici, calciando forte nel mezzo. Il primo ad arrivare sul pallone è Miale che con uno stacco imperioso porta il Taranto in vantaggio, sbloccando la contesa. Al 38' c'è un giallo per il Pomigliano esibito sul volto di Savarese. Al 42' finisce sul taccuino del direttore di gara anche il capitano rossoblù Claudio Miale. Dopo 1' di recupero le squadre vanno negli spogliatoi con il Taranto in vantaggio.

 

Al rientro in campo non ci sono novità nei due schieramenti. Il Pomigliano appare subito più propositivo mentre nel Taranto viene ammonito anche D'Angelo per gioco scorretto. Al 12' il Taranto ha l'occasione per raddoppiare con D'Agostino che, dopo aver ricevuto la sfera da Ancora, prova la conclusione precisa ma la palla termina di poco fuori. Al 16' gli applausi dei presenti allo Iacovone sono tutti per il portiere Paolo Pellegrino classe '98 che riesce a neutralizzare con un volo plastico una punizione ben calciata da Marzullo, indirizzata sotto l'incrocio dei pali. A questo punto il tecnico Catalano comincia ad effettuare diversi cambi nella speranza di pervenire al pareggio. Entra anche l'ex Taranto Guidelli al posto di Pisani. Nel Taranto entra Portoghese al posto di Lorefice. Al 32' nel Taranto entra Gori al posto di un esausto Cristiano Ancora. Al 33' ancora Pellegrino respinge di pugno un violento tiro di Mannone. Al 38' palla gol per il Taranto con D'Agostino che riceve la sfera da Gori e calcia a giro, ma la sfera termina di un soffio fuori. Al 41' entra Diakitè per Favetta con l'intento di far salire la squadra. Dopo 5' di recupero il Taranto può festeggiare una vittoria importante che consolida la sua classifica.

 

Al termine della gara il primo a presentarsi in sala stampa è l'allenatore dei campani, mister Catalano: “Penso che il Pomigliano quest'oggi meritasse il pareggio. Sono orgoglioso della prestazione offerta dai miei ragazzi pur non avendo trovato il pari. Grossi meriti vanno anche al portiere avversario che ha fatto una grande parata. Se qualcuno si aspettava un Pomigliano che faceva barricate è stato smentito, abbiamo fatto la nostra gara e dobbiamo continuare su questa strada. Sul gol subito potevamo fare qualcosa in più anche se il difensore del Taranto è stato bravo a trovare il temo di inserimento. Sono arrivato da poco a Pomigliano e credo che l'unico nostro problema siano i risultati che non coincidono con le prestazioni. Ma sono certo che se continueremo a giocare così l'obiettivo della salvezza non ci sfuggirà.”

 

In casa Taranto l'eroe di giornata è il portiere Paolo Pellegrino che, a discapito della giovane età, sta dimostrando una sicurezza da veterano: “Oggi forse non abbiamo giocato benissimo ma abbiamo ottenuto tre punti importantissimi. Affrontavamo una squadra che ci chiudeva tutti i varchi e che nella prima mezz'ora ci costringeva al lancio lungo. Dopo essere passati in vantaggio abbiamo amministrato al meglio il risultato. Sulla punizione di Marzullo ho visto la sfera partire e per fortuna ci sono arrivato, anche se avrei voluto bloccare la sfera. Da martedì cominceremo a pensare al Picerno che non è molto lontano da noi in classifica e ci sarà bisogno del massimo impegno. Il nostro obiettivo è quello di continuare a lavorare bene in settimana per raccogliere punti la domenica.”

 

Altro protagonista dell'incontro dei rossoblù è Francesco D'Angelo che ha sostituito egregiamente Rosania squalificato: “La partita non è stata semplice. Sapevamo che avremmo trovato un avversario ostico e nei primi 30' abbiamo sofferto. Poi dopo la rete di Miale la partita si è messa in discesa e abbiamo potuto giocarla come l'avevamo preparata. Quando si affrontano certi avversari non è mai semplice, perché noi abbiamo tutto da perdere mentre gli altri qualcosa da guadagnare. Negli ultimi 5 minuti ci siamo abbassati per contrastare il loro modulo a due punte. Per quanto riguarda la concorrenza con Miale e Rosania la vivo serenamente, una grande squadra deve avere abbondanza in ogni reparto. I risultati di giornata non li ho visti bene, so che la Cavese ha perso e questo riduce le distanze dal secondo posto ma noi non dobbiamo guardare né dietro né avanti bensì solo a noi stessi pensando gara dopo gara.”

 

Letto 313 volte Ultima modifica il Lunedì, 12 Febbraio 2018 17:43