Martedì, 06 Febbraio 2018 12:35

IL CONCERTO/ Primo Maggio Taranto 2018, l'appello Del Comitato Lavoratori Liberi e Pensanti: “Vogliamo realizzare l'evento ma dobbiamo autofinanziarci" In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)

"Occorre il contributo di tutti per raggiungere quota 50.000 euro. Apriremo il concerto parlando dell'Accordo programmatico. Alle istituzioni chiediamo di far rispettare la circolare che vieta la distribuzione di bevande da parte di venditori ambulanti.”

 

di Andrea Loiacono

 

Si è tenuta  la conferenza stampa di presentazione dell'evento più atteso dell'anno, il mega concerto “1 Maggio Taranto” che anche quest'anno, dopo la pausa dello scorso anno, sarà organizzato dal Comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti. Obiettivo del Concerto è la sensibilizzazione sui temi dell'Inquinamento e la risposta su alcune questione da parte di alcune questioni come la copertura dei parchi minerari, lo smantellamento parziale o totale della stessa Ilva . Il timore, espresso dagli stessi organizzatori è che si tratti di esclusivamente di manovra da campagna elettorale.

 

Come detto dunque l'evento si terrà, ma solo ad alcune condizioni, come spiega un rappresentante del Comitato: “ Abbiamo tutta l'intenzione di realizzare l'evento ma abbiamo l'esigenza di appianare i debiti e in più, in seguito agli eventi di Torino quando in occasione della finale di Champions perse la vita una ragazza, ci saranno delle normative aggiuntive da rispettare come ci impone la circolare del Ministro Gabrielli. L'area sarà tutta recintata e verranno distribuiti dei braccialetti a tutti coloro i quali accederanno al parco, vogliamo lavorare nella massima tranquillità.

Per fare questo abbiamo aderito ad una campagna di Music Raiser tramire un Crowdfunding. Si tratta di un sito in cui ogni singolo utente o raiser potrà effettuare una donazione. Il contatore aumenterà fino a raggiungere, come ci auguriamo, la somma di cinquantamila euro, base minima di partenza. Se non raggiungeremo tale somma purtroppo il concerto non si farà. Abbiamo raccolto diverse disponibilità ma dobbiamo essere in grado di far quadrare i conti. Ci sarà anche un contest per le band emergenti che verranno valutate nel corso di una tournè da varie giurie tecniche. Le migliori avranno l' opportunità di esibirsi sul palco tarantino.”

 

 

I Cittadini Lavoratori liberi e Pensanti proseguono nel loro intervento con un appello al Sindaco e alle istituzioni: “Chiediamo che non venga tollerato il divieto dell'abusivismo e del vetro. Le ordinanze ci sono e vanno fatte rispettare. Per quel che riguarda degli sponsor “etici” alcuni li abbiamo già trovati e sono il “ Mon Rève” e “ Gli amici del Sud”, ma il palco sarà sempre senza loghi. L'obiettivo comune è la riconversione mentale di questa città. Le linee guida del nostro accordo di programma saranno presentati agli esponenti delle istituzioni comunali e nazionali la mattina prima del concerto. Spiegheremo come si può vivere senza acciaio, senza inquinamento e senza Ilva.”

Letto 367 volte