Mercoledì, 08 Novembre 2017 07:50

TEATRO - Per "Favole&Tamburi", domenica al TaTà va in scena "Il fiore azzurro" In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Le domande della vita. Per “favole&TAmburi”, la rassegna del Crest per tutta la famiglia, domenica 12 novembre, alle ore 18 al TaTÀ di Taranto, in via Deledda ai Tamburi, va in scena “Il fiore azzurro” di e con Daria Paoletta, costruzione del pupazzo Raffaele Scarimboli, consulenza artistica Nicola Masciullo, produzione Compagnia Burambò (Foggia). Biglietto unico 6 euro. Dalle ore 17, lo staff dello Junior TaTÀ sarà ad attendere il giovane pubblico, coinvolgendolo, gratuitamente, in “Aspettando… gioco”, una qualificata animazione ludica. Info: 099.4725780 – 366.3473430.
Una narratrice e un pupazzo. Una scena essenziale, due cubi di legno e una pedana per dare inizio ad un viaggio. Un viaggio attraverso la storia di un popolo, quello zigano, attraverso l’accettazione del diverso, il superamento delle avversità della vita, l’amicizia e la capacità di immaginare che il proprio destino non sia scritto, ma è in continuo cambiamento.
Il protagonista di questa storia della tradizione orale zigana è un bambino che, alla morte della mamma, si mette in cammino alla ricerca della felicità e della fortuna. Si chiama Tzigo e il fiore azzurro, nato dalle lacrime che ha versato, sarà il suo spirito guida. Parte per la sua avventura. Attraversa boschi e villaggi. Incontra animali magici che lo aiuteranno ad affrontare la terribile strega Muma Padurii. E nel descrivere l’antico andare, con passi lenti, attraverso le stagioni e l’alternarsi del giorno e della notte, dà forma al tempo necessario per la sua crescita. Esso diventa il tempo delle scoperte, delle paure e dei silenzi, il tempo delle domande.
Cosa sono la fortuna e la felicità? Cosa significa essere zigano, oggi? Chi ha scritto la sua storia? La sfida autentica del linguaggio teatrale è di condurre anche i più piccoli alle domande della vita, senza cadere nella retorica, senza dare risposte preconfezionate. La fiaba è ricca di spunti per riflettere attraverso la leggerezza e il gioco, insiti nel linguaggio teatrale e, nello specifico, nell’utilizzo della figura. Una scrittura, quella di Daria Paoletta, ricca di dettagli che, al tempo stesso, si pone l’obiettivo di non definire tutto, affidando alla fantasia del pubblico la libertà di immaginare. In alcuni punti della storia è indispensabile che il pubblico faccia delle scelte concrete che decideranno il corso della storia, nel tentativo di creare un ulteriore dialogo tra il palco e la platea.

Compagnia Burambò
Allieva del maestro Carlo Formigoni, Daria Paoletta non è soltanto attrice, ma anche una burattinaia che costruisce da sé gli allestimenti per i propri spettacoli, adattando o elaborando testi, musiche e sonorità, componendo sempre nuove suggestioni e creando speciali alchimie di ritmi. Con Raffaele Scarimboli, fonda nel 1996 a Foggia la Compagnia Burambò, privilegiando le forme del teatro di figura. Vince il premio Eolo Awards 2012 (e il Festebà 2012) con “Secondo Pinocchio” come migliore spettacolo di teatro di figura. Sperimenta il teatro di narrazione, avvicinatasi grazie agli insegnamenti dell’attore e regista Roberto Anglisani, con le produzioni “Una storia che non sta né in cielo né in terra” (2010), “Amore e Psiche” (2014, premio Eolo Awards come miglior spettacolo nazionale di teatro di narrazione.), “Il ballo” (2015) e il recente “Il fiore azzurro”, tratto dalla fiaba popolare tzigana “La storia di Tzigo e il fiore azzurro” (premio In-Box Verde 2017).

La rassegna “favole&TAmburi” è parte di “Heroes”, progetto artistico triennale 2017/19 di Crest e “Tra il dire e il fare” (Ruvo di Puglia, BA) in ATS.

photo © Michela Cerini

Letto 530 volte