Martedì, 07 Novembre 2017 09:25

ILVA/ Mentre Taranto aspetta, Genova chiede trattativa a parte, la Fiom "se non si rispetta l'Accordo di programma occupazione ad oltranza" In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Mentre Taranto aspetta l'incontro romano presso il Ministero dello Sviluppo Economico e il pronunciamento dell'Antitrust, a Genova prosegue l'occupazione dell'Ilva. Davanti ai cancelli della fabbrica occupata i rappresentanti della Fiom hanno ribadito che non faranno passi indietro rivendicando il rispetto dell'Accordo di programma del 2005 e respingendo quanto indicato nel Piano industriale della nuova proprietà Arcelor Mittal Marcegaglia che prevede per Genova 600 esuberi.

"La legge va rispettata ed è bene che questo messaggio arrivi forte e chiaro alla nuova proprietà e al Governo- hanno detto i rappresentanti sindacali Fiom - se non sarà così noi andremo avanti ad oltranza. Chiediamo un Tavolo per Genova e non partecipiamo a trattative nazionali dove c'è tutto e il contrario di tutto."

Rispetto alla rottura con la altre due sigle, Uilm e Fim, pare si stiano aprendo spiragli. Tutto dipende da quando e se arriverà la convocazione del Tavolo per Genova, "che- dice la Fiom- rappresenterà un'occasione difendere insieme quell'Accordo"

Tra i lavoratori che hanno trascorso la notte davanti ai cancelli serpeggiano rabbia e delusione. 

Letto 364 volte Ultima modifica il Martedì, 07 Novembre 2017 09:45