NOTIZIE FLASH:
Lunedì, 06 Novembre 2017 12:04

LA PRESENTAZIONE/ Progetto Social-Mente, perchè c'è sempre tempo per imparare, conoscere e crescere insieme In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Chi l’ha detto che a una certa età si smette di imparare? Magari ci si può riuscire trovando gli stimoli giusti raffrontandosi e confrontandosi con gli altri.

Per questo oggi c’è Social-Mente, un progetto promosso dalla Federazione Nazionale delle Associazioni Auser di Volontariato che, finanziato dalla Fondazione con il Sud, vede coinvolto un ampio partenariato con istituzioni, associazioni di volontariato, istituti scolastici e organismi che operano nell’integrazione di soggetti più esposti all’emarginazione culturale e socialei. Il progetto, della durata di diciotto mesi, si svilupperà nell’intera Italia meridionale, interessando Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia.

 

Il progetto Social-Mente parte dalla constatazione che l’Italia è il paese più vecchio d’Europa, con il 21,4% della popolazione che ha più di 65 anni, una percentuale che in breve tempo arriverà al 30%.  Una delle strategie vincenti per fronteggiare il cambiamento demografico in atto consiste nella promozione dell’invecchiamento attivo e del diritto all’apprendimento in ogni fase della vita.

Social-Mente è un progetto che si pone l’obiettivo di entrare in contatto con ampie fasce di cittadini, soprattutto anziani ma anche adulti, immigrati e giovani NEET, che hanno livelli di istruzione bassi o molto bassi, tutti soggetti che per questa ragione rischiano una condizione grave di isolamento ed esclusione con pesanti ricadute sulla qualità della vita.

La sfida del progetto Social-Mente è di coinvolgerli in attività culturali e di socializzazione, con un’offerta varia e stimolante in grado di sollecitare interesse e partecipazione.

 

Il progetto permetterà di sviluppare accordi di collaborazione tra la capillare rete territoriale Auser e le istituzioni locali del sistema scolastico, nell’ottica della costruzione dei servizi e delle reti territoriali per l’apprendimento permanente. Tali accordi possono coinvolgere anche altri enti del territorio, pubblici e privati, per innovare ed ampliare l’offerta culturale.

La rappresentanza pugliese nel partenariato è particolarmente ampia e variegata, comprendendo, oltre a numerose sezioni territoriali dell’Auser, anche i CPIA di Taranto e di Lecce; gli Istituti scolastici secondari superiori “Archimede” e “Pacinotti” di Taranto e “Mazzini” di Melendugno, l’Istituto Comprensivo di Alessano, il Comune di Specchia e il Comune di Taranto.

 

Le azioni di Social-Mente cha saranno poste in essere sul territorio regionale in corso di presentazione oggi 6 novembre nell'ambito di un  pubblico incontro e seminario formativo regionale che si tiene per l'intera giornata presso l’Aula Magna dell’Istituto “Pacinotti” di Taranto.

I lavori, coordinati da Michele Cristella, presidente UTEP Laterza, sono introdotti da Lina Arpaia, presidente territoriale Auser Tarato, mentre gli interventi seguenti sono intervallati da brevi rappresentazioni a cura dei soci AUSER.

 

Il primo intervento è di Lucia Scarafile, presidente regionale Auser, su “il progetto Social-Mente nelle attività culturali dell’Auser in Puglia”, cui seguono i saluti delle autorità istituzionali e delle organizzazioni sindacali.

Patrizia Capobianco, dirigente scolastico CPIA 1 Taranto, interviene poi su “Le nuove sfide dell’apprendimento permanente”, mentre la mattinata si conclude con la relazione di Lino Patruno, già direttore de “La Gazzetta del Mezzogiorno”, su “L’istruzione degli adulti: percorsi di consapevolezza per la valorizzazione del sud”.

I lavori pomeridiani sono aperti da Patrizia Mattioli, responsabile apprendimento permanente AUSER Nazionale, che interviene su “Metodologie attive per l’apprendimento degli adulti – questionari”, per poi proseguire con la relazione di Maria Teresa Statile, dirigente scolastico Istituto industriale “Archimede” di Taranto, su “I contenuti dell’apprendimento permanente per gli adulti”, mentre Anna Marinella Chezza, dirigente scolastico CPIA Lecce, relaziona su “Sviluppo del progetto Social-Mente nel territorio di Lecce”.

Alle ore 16.00 è previsto l’intervento di Sebastiano Leo, Assessore al lavoro, formazione professionale, diritto allo studio, istruzione ed università della Regione Puglia, su “L’apprendimento permanente in Puglia”; in seguito si svilupperà il dibattito le cui conclusioni saranno affidate a Lucia Scarafile, presidente regionale AUSER, che illustrerà lo “Sviluppo del progetto Social-Mente in Puglia”.

 

 

 

Letto 70 volte