Venerdì, 07 Aprile 2017 19:50

NOVITA' - Nasce a Taranto la biblioteca dedicata a manga, fumetti e videogames. La prima in Puglia In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Nasce a Taranto, prima in Puglia, la Biblioteca “SILMARILLION”. Si tratta di una biblioteca specializzata nel settore Kids, Ragazzi, Fumetti e Manga, Fantasy, Gaming, Videogaming. La sede sarà la Masseria Vaccarella. “Grazie a Pino Lessa e all’ACI che ci hanno messo a disposizione una parte della masseria Vaccarella, siamo riusciti a concretizzare quello che è un nostro sogno – spiega Angelica Toritto, presidente dell’Associazione ludica  Eternia di Taranto -. Assieme ai miei soci, Domenico Repaci e Sirio Viesti siamo da tempo impegnati nella promozione e nella diffusione della cultura, soprattutto nella fascia infanzia e adolescenza. Utilizziamo strumenti come libri, giochi da tavolo e manuali di gioco di ruolo, a supporto delle nostre attività, consolidando da cinque anni, sul territorio della regione Puglia, la nostra esperienza e la sede fisica di Taranto con un numero consistente di materiale. Dopo aver sperimentato la simulazione di una Biblioteca specializzata anche in gaming e videogaming, anche come supporto didattico curriculare ed extracurriculare, abbiamo deciso di istituzionalizzare la nostra attività per poterla condividere in una rete effettiva e riconosciuta. Il carattere della Biblioteca sarà generale, ma specializzato nel settore Kids, Ragazzi, Fumetti e Manga, Fantasy, Gaming, Videogaming”. La biblioteca ha aderito al Polo TA1 della provincia di Taranto del servizio bibliotecario Nazionale per il suo funzionamento. “La consistenza del patrimonio dell’Associazione ludica Eternia libri, riviste, materiale audiovisivo e gaming sarà a disposizione degli utenti per mezzo di un catalogo informatizzato in collegamento con Il Polo TA  1 della provincia di Taranto e la Biblioteca civica Pietro Acclavio – continua Toritto -. Per questo ringraziamo il Direttore della Biblioteca civica Acclavio di Taranto, Avv. Gianluigi Pignatelli e tutto il suo staff. La scelta dell’attività proposta, risulta essere vincente per un processo culturale, che dovrebbe portare la città ad essere competitiva all’interno delle realtà europee e internazionali, nei meriti della potenzialità di una filosofia di partecipazione e connotazione del ruolo della biblioteca che non si restringe, anzi si allarga vistosamente grazie alla dinamica di inserimento del Gaming e Videogaming come strumenti culturali, garantendo anche il panorama tradizionale. Queste modalità di approccio al bene culturale, non solo sono mutate nel tempo, sono soprattutto migliorate in una intercettazione tra utente, ricevente e ricercatore. Una intercettazione che adotta una metodologia educativa stabilendo anche un approccio pedagogico con le professionalità di cui disponiamo, dando un contributo sostanziale alla crescita dei futuri cittadini. Taranto può oggi realmente essere motrice di attività ed eventi con una sinergia territoriale che punti anche allo sviluppo socio-economico-culturale”.

La scelta di un nome così importante e pieno di responsabilità, “Silmarillion”, identifica la volontà di dare vita ad un'opera mitopoietica proprio come quella scritta da J. R. R. Tolkien e pubblicata postuma da suo figlio Christopher Tolkien, che narra le vicende di Arda, dalla sua creazione fino alla Terza Era. Il progetto “Silmarillion”, fa leva su un esteso programma organizzativo come volesse essere fonte per una narrazione che descrive l’universo (il territorio) nel quale ci troviamo, in una “Terra di mezzo”, nell'ambito della quale si svolgono le azioni quotidiane di ognuno di noi.

“Lo spazio fisico e mentale della biblioteca sarà strutturato seguendo le linee della mitopoiesi come l’attività, l’arte o la tendenza a inventare favole, a formare miti, processo con cui si attribuisce a fatti reali o alla narrazione di essi un valore fantastico di riferimento culturale e sociale, pur rispettando i regolamenti e gli adempimenti previsti dalle leggi istituzionali ed etiche – prosegue la presidentessa -. Una sezione della biblioteca è pensata a misura di bambini e di ragazzi, ma sarà anche uno spazio di ritrovo per gruppi di lettori. Un luogo aperto alla consultazione e alla lettura, individuale o di gruppo, che raccoglie fiabe, filastrocche, illustrazioni e offre una ricca selezione di titoli dedicati all’educazione del bambino. Sarà un luogo dove trascorrere del tempo con i figli e con i nipoti tra le pagine illustrate di libri per l’infanzia o dove cercare risposte e consigli tra le righe di testi rivolti all’essere genitori.

Il progetto prevede la predisposizione di attività e di laboratori che coinvolgano i bambini e i ragazzi, indirizzandoli verso letture rispondenti ai loro gusti e alle loro età, attività con genitori e adulti in genere (percorsi di animazione alla lettura), attività con educatori e insegnanti (corsi formativi sulla lettura ad alta voce).  La grande sfida sarà la realizzazione di un’area ludica, cresciuta negli anni grazie ad una collezione e raccolta di titoli di gioco da tavolo di vario genere e manuali di gioco di ruolo di diverse ambientazioni”.

“Come ho preannunciato nei miei diciotto punti del patto con la città, sono convinto che le associazioni siano una forza per la nostra città, per farla crescere e far girare l’economia e favorire ancora di più il turismo – dichiara Pino Lessa, candidato sindaco e direttore ACI Taranto -. Questa è la dimostrazione pratica di ciò che intendiamo con lo sviluppo di associazioni e artigianato locale. In questo caso il nostro obiettivo è soddisfare le esigenze delle richieste di una carente offerta di attività socio-culturali, ludico-educative e ricreative rivolte a bambini/e, ragazzi/e, famiglie, valorizzando il libro e il gioco come strumento di espressione promozione e sviluppo della cultura  nel tempo e nello spazio e l'incontro-scambio tra generazioni e culture diverse. Sarà stimolante per contribuire alla sviluppo del senso di solidarietà sociale, favorendo l'integrazione socio-culturale, l'abbattimento degli stereotipi di razza e di genere, la promozione della cultura della differenza di genere e delle pari opportunità”.

Intanto sabato 8 aprile, in occasione dell’evento “Profumo di Primavera”, in via Mignogna dalle ore 17.00 sino alle ore 22.00 si terrà la grande raccolta di materiale per la scuola degli elfi. Chiunque potrà contribuire alla crescita del bene comune della Biblioteca “Silmarillion” donando libri, fumetti o un giochi da tavolo. Sarà la prima di una serie di tappe nella provincia jonica.

Letto 655 volte