Venerdì, 24 Febbraio 2017 11:50

IL FATTO - Maxi parcheggio Cimino, Confcommercio: "Sbagliato estendere le strisce blu a quell'area" In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Entro maggio entrerà in funzione il maxi parcheggio Cimino. L’area sarà attrezzata per l’interscambio tra auto private e bus pubblici urbani ed extraurbani; l’AMAT, l’azienda pubblica che gestirà il parcheggio, ha reso noto che   la sosta sarà tariffata. 

La scelta di estendere le strisce blu  al parcheggio di interscambio secondo  Confcommercio Taranto "non offrirà l’ auspicato ed atteso  contributo alla problematica del traffico e della sosta nell’area urbana; sarà infatti difficile che quanti abbiano necessità di lasciare l’auto per raggiungere il proprio posto di lavoro   con un mezzo pubblico possano accollarsi un costo giornaliero di 3/3,50 euro"

. La proposta di Confcommercio – peraltro condivisa dallo stesso presidente dell’AMAT, Walter Poggi, in un incontro dell’ottobre 2015 - puntava su l’adozione del biglietto unico (parcheggio/Ctp/Amat). "Tra l’altro - sostiena Confcommercio - il pagamento della sosta scoraggerebbe i tanti frequentatori abituali  della pineta  che, essendo  uno dei pochi polmoni verdi della città, mette a disposizione  spazi liberi per gli  sportivi e le famiglie con bimbi". 

Secondo Confcommercio Taranto, dopo anni di incontri,  tavoli di confronto, documenti, e percorsi condivisi (non va dimenticato che era stata annunciata l’entrata in funzione del parcheggio  Cimino per il settembre del 2014) oggi si prospettano soluzioni "che erano state scartate perché non funzionali all’ obiettivo preposto. La necessità di portare danaro alle casse dell’Amat non può prevalere sulla funzione, tanto valeva allora lasciare l’area alla libera fruizione". 

Confcommercio già nel 2014  aveva chiesto la messa in rete delle aree parcheggio, la programmazione di sistemi di informazione dell’utenza (pannelli luminosi)  e  l’adozione di un sistema di pagamento elettronico che consentisse di monitorare la disponibilità di posti liberi nelle aree parcheggio, per ridurre il traffico causato dalla ricerca del posto. "Anni di discussioni e di tavoli di lavoro - scrive ancora Confcommercio - per partorire poi un progetto che non da soluzioni alle risposte attese, anche se proprio in questi giorni, nel solito  stile pre- elettorale, il Comune ha  annunciato varie novità in materia di parcheggi: tariffe agevolate per i dipendenti del commercio, grattini per la clientela delle aree commerciali (ma il Comune e l’Amat non avevano accusato i commercianti di farne un uso personale?), progetti per la realizzazione di nuove aree parcheggio (Artiglieria, Baraccamenti Cattolica, Scuola Leonida). E proprio in riferimento alla grande progettazione  ricordiamo che era il  28 marzo del 2013, quando ben sette aree demaniali entrano  nella disponibilità di Taranto. Aree che tutte assieme in un momento di grave crisi, avrebbero assunto, ieri, e ancor di più ogg,  un significato importante per la ridefinizione di uno sviluppo economico prevedendo servizi per i cittadini, luoghi di incontro per i giovani, spazi per la cultura l’intrattenimento, e parcheggi, il tutto inquadrato in un generale progetto di riqualificazione urbana. Nel giugno del 2013 – ricorda ancora l'associazione dei commercianti - il settore Urbanistica e Progettazione urbana di Confcommercio Imprese per l’Italia, su richiesta dell’organizzazione provinciale di Taranto presentò al Comune  un “Documento di indirizzo e strategie” per la rigenerazione urbana sostenibile delle aree demaniali, nel quale  si suggerivano anche  percorsi per l’accessibilità e la sosta. Nel dicembre dello stesso anno  Comune di Taranto, Amat, Confcommercio, Confesercenti sottoscrissero  un protocollo d’intesa per l’individuazione di interventi finalizzati a dare soluzione alla carenza  di parcheggi nell’area del Borgo. Le parti concordarono di individuare da subito aree da adibire a parcheggio anche attraverso la variazione della destinazione d’uso (cortili di scuole, aree demaniali, aree in uso a enti etc.) e di costituire una commissione permanente che abbia compito di studio ed elaborazione di proposte.  Nell’ottobre del 2014 - aggiunge Confcommercio - ponendo il problema della individuazione nel Borgo di nuove aree da destinare al parcheggio auto,  indicammo  l’area ex caserma  Fadini (tra via Leonida e via Cugini) per la realizzazione di  un parcheggio pubblico multipiano ed individuammo un gruppo di imprenditori disponibile ad investire nel progetto. Il Comune dopo un  primo iniziale interesse, non dette risposte.  Nel 2014  e nel 2015 Confcommercio tornò a più  riprese, attraverso lettere, documenti, comunicati stampa e richieste di incontri   a sollecitare l’Amministrazione comunale affinché avviasse al più presto una progettazione che favorisse   l’utilizzo delle aree demaniali e la riqualificazione dell’ex mercato Icco, affidata  all’AMAT dal 2009. Solo nel maggio del 2016 è avvenuta la consegna ufficiale dell’area attrezzata  Icco, ma priva di segnaletica e di automatism"i. 

E’ sempre l’Amat, fanno rilevre da viale Magna Grecia, che a settembre scorso, "senza interpellare nessuno,  ha deciso, cambiandone la destinazione d’uso, di  mettere  all’asta il fitto del complesso immobiliare ex Upim (8mila e 523 metri quadrati)  situato in piazza Ramellini, e di cui  è proprietaria  dal 2007, e che sino al 2013  ha ospitato un comodo ed ampio parcheggio. Si è trattato un bene pubblico come cosa privata, senza ascoltare gli stakeholder.  Quanto alla zona di viale Liguria, - conckude Confcommercio - non possiamo dimenticare che è dal 2000 che si discute e si effettuano sopralluoghi per verificare la possibilità di destinare  l’area della scuola Leonida ad un parcheggio pubblico. Insomma un déjà vu che si ripete all’infinito, e questa volta a due mesi dal voto". 

Letto 864 volte