Mercoledì, 03 Agosto 2016 18:32

Martino Tamburrano scrive a Matteo Renzi e a Michele Emiliano: “Servono più soldi per le infrastrutture e per il completamento della Tangenziale” In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

 

 

La nota ha costituito il seguito della interlocuzione che il presidente della Provincia aveva avviato già venerdì scorso in seno alla riunione per il Contratto Istituzionale di Sviluppo a seguito del quale il Primo Ministro Matteo Renzi aveva palesato il proprio interesse per la conoscenza di questo progetto.

Per tale motivo Tamburrano ha ritenuto opportuno formalizzare al Capo del Governo quanto aveva avuto modo di accennargli sommariamente.

La nota (che si allega al comunicato) è corredata di una rappresentazione grafica di questa importante e strategica arteria extraurbana, che dovrà costituire il collegamento funzionale dalla S.S. 106 Jonica, in area portuale, sino all’abitato di Talsano.

Nella sua nota il capo dell’amministrazione di via Anfiteatro evidenzia l’urgenza di realizzare il terzo lotto della Tangenziale sud in modo da dare continuità tra il Ponte P. Penna e l’abitato di Talsano, con la fascia costiera orientale; ma rimarca anche la necessità di realizzare la Tangenziale Nord, costruita solamente nel secondo lotto sotto Statte, senza aver realizzato il primo lotto in prosecuzione dello svincolo nei pressi del Seminario, né il terzo lotto da Statte sino alla S.S. 106 Jonica, ragion per cui, di fatto, il lotto sotto Statte risulta inutilizzabile.

Tamburrano così conclude: “I progetti, da Lei giustamente reclamati per tutte le ipotesi di intervento nell’area tarantina, ci sono e sono cantierabili; ma la carenza di risorse pubbliche verificatesi negli ultimi anni con il Patto di Stabilità ha condannato anche questa infrastruttura ad esecuzioni frammentarie e discontinue; la Sua acclarata, e più volte manifestata, volontà di riportare la dotazione nazionale per infrastrutture primarie da 20 a 40 miliardi di euro/anno mi autorizza a sperare in un esito favorevole a questa nota”.

 

Letto 536 volte