Lunedì, 11 Luglio 2016 22:43

Taranto Calcio/ Presentato staff rossoblu, Dellisanti “Allestiremo una squadra competitiva sia per la D che per la Lega Pro" In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(2 Voti)

Taranto calcio: Presentato lo staff tecnico rossoblu per la stagione 2016-2017. Aldo Papagni: “Ringrazio la società per questa opportunità. Franco Dellisanti: “Allestiremo una squadra competitiva sia per la D che per la Lega Pro.” Mister Propseri: “ Alcuni juniores dello scorso anno saranno in ritiro con la prima squadra.”

Di Andrea Loiacono

 

Certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano. Taranto, Aldo Papagni Franco Dellisanti e Fabio Prosperi, tecnici ed ex calciatori che per un motivo e nell'altro hanno da sempre rivestito un ruolo di attori principali nella storia del calcio rossoblù si apprestano a vivere i “giorni caldi” dell'estatate tarantina con l'obiettivo di recitare un ruolo da protagonisti.” Lo staff tecnico targato 2016-2017 è stato presentato in un incontro con la stampa locale organizzato presso la sede della Cooperativa Prisma alla presenza del Presidente del Taranto Elisabetta Zelatore. Il numero uno del sodalizio rossoblù ha fatto anche le veci anche dell' Avv. Tonio Bongiovanni, presentando i tecnici e il direttore sportivo i quali hanno toccato nel corso della loro presentazione i tempi più attuali rispondendo alle domande che in questo periodo albergano nei pensieri della tifoseria, mercato e questione ripescaggio su tutte.”

 

Aldo Papagni: “Devo ringraziare la presidenza. Per me è la prima volta, in tanti anni di carriera che avrò come Presidente una donna. Sono grato a Zelatore e Bongiovanni per l'opportunità concessami e per avermi affiancato in qualità di responsabile tecnico Franco Dellisanti, una persona competente che ha fatto calcio per tanti anni; questo mi responsabilizza ma mi da tanta carica allo stesso tempo. Il mio vice, Fabio Prosperi, incarna alla perfezione lo spirito di sacrificio e di unità di intenti indispensabili, concetti indispensabili, a mio parere, per raggiungere successi nel calcio e nella vita. Al di là degli aspetti materiali, nel mio modo di fare calcio contano le motivazioni. Penso che proprio Prosperi, arrivato con me per la prima volta a Taranto nel 2006 in un momento di forte contestazione, possa essere preso come modello per chi vuole indossare la maglia del Taranto. “

 

Il tecnico di Bisceglie ha proseguito descrivendo la sua gioia per quella che è sarà la sua terza avventura in riva allo Ionio: “ In questo momento è indispensabile che chi decide di sposare la causa Taranto lo faccia con spirito di abnegazione e con il sorriso. Sono convinto che per allenare e gocare in una città come questa ci sia bisogno di positività. Sino ad ora ho totalizzato oltre 85 presenze da allenatore sulla panchina del Taranto. Il mio più grande desiderio è quello di raggiungere le 100 panchine in rossoblù, un traguardo che inseguo da molto, non vedo l'ora di cominciare. Nel corso di questa avventurà potranno esserci contrasti e confronti ma alla base di tutto ci sarà l'umiltà.”

 

Prime parole da ufficiali anche per Franco Dellisanti; a lui il merito di aver portato a Taranto mister Papagni e che chiarisce alcuni aspetti riguardanti il suo ruolo: “Non rivestirò il ruolo di Direttore Sportivo perchè non lo sono. Come ben sapete sono un allenatore; ritengo di aver accumulato nella mia carriera esperienza sotto il profilo tecnico e di conoscenza di queste categorie. Sono lieto di poter mettere a disposizione della società del Taranto le mie competenze e conoscenze per poter raggiungere tutti insieme risultati importanti. Non appena sono stato contattato da Elisabetta Zelatore e Tonio Bongiovanni non ho esitato un attimo ad accettare, per l'affetto e l'amicizia che mi lega ai due presidenti e naturalmente al Taranto.” L'ex tecnico di Catanzaro, Taranto, Cavese e Torrecuso risponde poi alle domande inerenti l'allestimento della squadra che dovrà affronterà il prossimo campionato, sulla cui categoria influiranno le decisioni del Consiglio Federale il quale si esprimerà sulla possibilità di accogliere o meno le domande di ripescaggio delle società con i parametri in regola; tra queste la candidatura del Taranto ha assunto preso piede negli ultimi giorni, infondendo ottimismo a tutto l'ambiente : “ E' chiaro, al momento non sapere al momento quale categoria affronteremo, è un aspetto che condiziona anche le nostre manovre di mercato. Siamo alla ricerca di giocatori che abbiano le caratteristiche morali e tecniche per disputare un ottimo torneo di serie D ed eventualmente disimpegnarsi bene anche in Lega Pro. Per quanto concerne il capitolo rinnovi di alcuni calciatori della passata stagione, abbiamo riconfermato Pambianchi, proponendo lo stesso contratto ad altri giocatori come De Giorgi, Nosa, Ciarcià. A loro, come a Genchi è stato proposto un rinnovo a cifre maggiorate rispetto alla scorsa stagione. Per quanto riguarda Genchi, lo abbiamo aspettato ma lui ha preferito la Lega Pro certa che gli veniva garantita dal Monopoli; ha preso lui questa decisione, noi non abbiamo scartato nessuno. “ Anche mister Papagni si sofferma sul capitolo mercato : “E' ovvio, in questo momento sia in difficoltà, in quanto dobbiamo allestire una squadra che possa affrontare al massimo delle proprie condizioni si la Lnd che un eventuale campionago di Lega Pro. A Genchi, autore di 50 gol negli ultimi due campionati è stato proposto un adeguamento dell'ingaggio con ulteriore aumento di stipendio qualora fosse stata raggiunta la promozione. Non biasimo Genchi ma ritengo sa giusto specificare come il Taranto non abbia escluso nessuno. Ci avrebbe fatto piacere trattenerlo ma non è rimasto per sua scelta, ha preferito il Monopoli che gli garantisce un palcoscenico diverso. Conosco la piazza di Taranto e so che la tifoseria non aspetta altro che l'acquisto di giocatori per poter sognare ma in questo momento dobbiamo valutare con oculatezza. Abbiamo un tesoretto messoci a disposizione dalla società per integrare l'organico in caso di Lega Pro, se dovessimo essere ripescati saranno gli stessi giocatori ad offrirsi a noi. Intanto lavoriamo, con umiltà per prepararci al ritiro, penso che per quella data il Taranto sarà pronto all'80%, i nostri sostenitori possono stare tranquilli.”

 

Dopo la vittoria del campionato juniores alla guida dei giovani atleti rossoblù, Mister Fabio Prsperi è stato chiamato dalla dirigenza e da Aldo Papagni a rivestire il ruolo di allenatore in seconda. L'ex allenatore rossoblù non sta nella pelle: “Ringrazio innanzitutto la società per avermi concesso l'anno scorso la possibilità di intraprendere la carriera di allenatore in una città che mi ha dato tanto. L'avventura sulla panchina della juniores è stata molto positiva, abbiamo raggiunto risultati inaspettati grazie al lavoro quotidiano, una costante che mi ha molto aiutato in tutta la mia carriera. Penso che quello di quest'anno sia il giusto premio al lavoro che ho svolto l'anno scorso. Come sempre cercherò di ripagare la fiducia concessami. Attendiamo di sapere in quale categoria giocheremo, se dovesse essere serie D ci faremo trovare pronti. Per quanto riguarda l'organico della prima squadra, penso possa essere integrato da elementi di Juniores o Beretti; ci sono ragazzi che lo scorso anno si sono messi in luce alle mie dipendenze alla juniores e che hanno completato un processo di crescita importanti. Alcuni saranno integrati alla prima squadra per il ritiro e saranno a nostra disposizione; per altri il processo di crescita è un po' più lungo ma a questa età i ragazzi maturano velocemente sia sotto l'aspetto atletico che tattico per cui seguiremo con attenzione tutti gli sviluppi.”

 

A proposito della tifoseria, il Presidente Zelatore ci tiene a sottolineare come inq uesti primi giorni di campagna abbonamenti il numero di tessere sottoscritte sia al di sotto delle aspettative: “Spesso diciamo e sentiamo parlare di una tifoseria che a ragion veduta reclama categorie e campionati più dignitosi, per la propria storia e bacino d'utenza. Noi come società abbiamo rispettato tutti gli impegni presi, sia sotto il profilo economico che burocratico, approntando due domande contemporaneamente per adempiere alla domanda di ripescaggio in Lega Pro. Nel corso del primo anno di esperienza come presidenti del Taranto abbiamo sostenuto impegni ingenti; questa non è una richiesta di aiuto, andremo comunque avanti per la nostra strada ma ci piacerebbe riscontrare una maggiore partecipazione da parte della tifoseria. Una società pulita, come la nostra si sostiene esclusivamente con la quota destinata agli abbonamenti. Vogliamo vedere se coloro che ci tengono davvero al Taranto sono solo duecento o molti di più. Mi auguro che fino a giorno 22 la soglia dei nostri abbonati si alzi sensibilmente. “

 

Intanto la società nei giorni scorsi ha formalizzato l'acquisto del centrocampista centrale Elio Nigro, lo scorso anno Al Delta Rovigo in serie D con 34 presenze e 2 gol. Nel suo curriculum, negli anni passati anche un campionato vinto con L'Ischia nella stagione 2012-2013 con 28 presenze e 3 reti.

 

Lo stesso Franco Dellisanti ha confermato le trattative in corso per l'attaccante Meloni, capocannoniere dello scorso campionato con la maglia del Fondi, avversario del Taranto nella doppia semifinale play-off.

 

Intanto la tifoseria ha scelto le nuove maglie mediante un sondaggio online .Le divise ufficiali, disegnate dalla Fondazione Taras hanno fatto registrare la preferenza, per quanto riguarda la prima maglia del completo tradizionale rossoblù con la variante del ritorno all'antico, rappresentato dalla larghezza delle bande verticali, molto più strette rispetto alla divisa della scorsa stagione.