Martedì, 17 Maggio 2016 19:19

IL CASO - Servizi cimiteriali, l'appello di Assomarmo: "Un confronto serio per un lavoro serio" In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ancora una volta l’associazione dei marmisti chiede un incontro con la Regione Puglia che fino ad oggi è rimasta sorda alle diverse richieste d’aiuto della categoria.

AssoMarmo, nuovamente e sperando di non rimanere delusa, vuole riportare l’attenzione dei cittadini e delle istituzioni sulle difficoltà lavorative legate al mondo dei servizi cimiterali, in cui la lavorazione del materiale lapideo, priva di una guida normativa, resta nelle mani di chi non è specialista del settore.

“Continuano a toglierci il lavoro nel silenzio di chi ci dovrebbe governare ma non riesce a realizzare ed attuare delle leggi che stabiliscano chi può realizzare questa attività e chi no”. Così Federico Greco, vice presidente nazionale dell’associazione dei marmisti, nata sotto l’egida di Casartigiani Taranto.

La sua valutazione, però, non è meramente economica. “A venire meno in questo caso non sono solo le regole del mercato e la regolamentazione dello stesso, ma anche sicurezza (dei lavoratori stessi che si occupano di mansioni per cui non sono preparati) e trasparenza. Le cronache nazionali – prosegue – quotidianamente raccontano di episodi legati a questo sistema malato: a Cagliari sono stati operati degli arresti in quanto è stato scoperto un vero e proprio cartello, a Massa un uomo è morto in una segheria, mentre a Carosino – citando casi più vicini alla nostra terra – continuano a verificarsi avvenimenti incresciosi specchio di una situazione divenuta insostenibile”.

 

Greco, ancora una volta, si rivolge alla Regione Puglia: “Chiediamo un confronto serio per un lavoro serio”. Il suo appello va al Presidente Emiliano, alla Giunta ed ai singoli consiglieri, soprattutto a quelli che esprimono la voce della provincia ionica: “Siete voi a dover creare i giusti presupposti affinché i marmisti possano tornare a fare un lavoro tipicamente riconducibile alle mansioni tipiche di una attività che, altrimenti, rischia l’estinzione. Questo potrebbe essere per noi un polmone importante mentre le nostre saracinesche continuano ad abbassarsi a fronte dell’ingiusto arricchimento delle agenzie funebri e di tutti coloro i quali si improvvisano marmisti”.

Letto 694 volte