Lunedì, 18 Maggio 2015 18:49

Agenzia di sviluppo: dopo il tavolo a Roma, serve subito una riunione con Comune, Provincia, Camera di commercio e Università In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

"La riunione di insediamento del Tavolo istituzionale permanente per l’Area di Taranto (art.5 della legge n.20/2015), convocata per il 20 maggio 2015, rappresenta il primo, importante momento di confronto fra le Istituzioni locali, la Regione ed il Governo ai fini dell’attuazione del programma di rilancio della comunità e del territorio ionico. È una occasione unica per portare all’attenzione dell’Esecutivo nazionale una visione del futuro socio – economico del Sistema Taranto che superi le emergenze e consegni finalmente una concreta prospettiva di sviluppo".

Lo afferma il presidente dell'Agenzia di Sviluppo Terra Jonica, Roberto Falcone. "Il legislatore - prosegue la nota - ha già suggerito alcune aree di intervento: Programma per la bonifica; Porto; recupero, riqualificazione e valorizzazione della città vecchia di Taranto; valorizzazione culturale e turistica dell'Arsenale militare marittimo di Taranto. Ciò nell’ambito di una più ampia attività finalizzata a “coordinare e concertare - come recita il testo di legge - tutte le azioni in essere, nonché definire strategie comuni utili allo sviluppo compatibile e sostenibile del territorio”. Immediatamente dopo l’insediamento del Tavolo, recepiti gli orientamenti della Presidenza del Consiglio, tutte le Istituzioni provinciali dovranno, dunque, lavorare per definire nel dettaglio il quadro progettuale, all’interno di una strategia più ampia e complessiva che tenga conto delle disposizioni normative. In particolare, sarà finalmente necessario elaborare un Piano integrato di sviluppo che risponda, come richiesto dalla legge, alle esigenze di crescita dell’area tarantina.

Falcone sottolinea che "in questo senso, l’Agenzia di Sviluppo Terra Jonica, di cui sono Soci fondatori Comune di Taranto, Provincia di Taranto, Camera di commercio di Taranto (tutti componenti del Tavolo permanente) ed Università degli Studi di Bari, è il luogo di confronto più adeguato per dare corso alle necessità di condivisione e di operatività interistituzionale. Un luogo nel quale gli Enti possono finalmente costruire, senza le incombenze amministrative quotidiane, una vision concertata e lavorare in modo strutturato e costante alla consequenziale progettazione. All’indomani del Tavolo romano, inviterò, dunque, gli Enti Soci ad una riunione presso la sede dell’Agenzia di Sviluppo, in Viale Virgilio 152, nell’ambito della Cittadella delle imprese di Taranto, per cogliere l’opportunità di utilizzare appieno questo Organismo strumentale che, grazie all’impegno di una dinamica rete di competenze e con il contributo di tutti i Soci, è già attivo sul tema."