Lunedì, 16 Febbraio 2015 11:49

TARANTO - Torna l'iniziativa "Libri al sole", dieci librerie in spiaggia per attirare i turisti In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)

Dopo il successo dell'edizione dello scorso anno denominata "Libri al sole",  l'estate 2015 a Taranto e provincia vedrà tornare le librerie in spiaggia "grazie alla preziosissima collaborazione - spiega Gianluca Lomastro, presidente dell'associazione Made in Taranto - della giornalista e blogger Paola Bisconti. A finanziare l'operazione quest'anno c'è Windor, la nota azienda che da quarant'anni è specializzata nella vendita e posa in opera di infissi, porte e finestre. Quest'anno dunque, - aggiunge Lomastro - grazie a Windor, le librerie da costruire e installare saranno dieci e prevederanno, come sempre, il coinvolgimento dei bagnanti che potranno partecipare all'iniziativa donando libri già letti di qualsiasi genere e argomento. Le librerie verranno installate presso gli stabilimenti balneari privati che ne faranno richiesta".

Le librerie in spiaggia, oltre ad intrattenere i bagnanti, costituiscono un importante fenomeno in grado di attirare i turisti, in quanto ognuna di queste è segnalata a livello internazionale con un particolare codice identificativo che le rende rintracciabili da appassionati e sostenitori di tutto il mondo. Queste librerie infatti appartengono al circuito delle Little Free Library

"Le librerie in spiaggia - sottolinea Lomastro - saranno possibili grazie al notevole apporto di competenza ed esperienza della giornalista Paola Bisconti che, l'8 maggio 2013, ha inaugurato cinque mini biblioteche insieme agli alunni dell'Istituto comprensivo L. Da Vinci di Cavallino e installato speciali “casette-librerie di strada” in parchi e piazze del paese compreso Castromediano (frazione di Cavallino). Made in Taranto intende anche continuare a promuovere la creazione di reti tra gli operatori del commercio, della cultura e del turismo mettendone in comune volontà, competenze, esperienze e desideri di partecipazione attiva alla vita sociale e sviluppando prototipi di dialogo in grado di promuovere la socializzazione, la condivisione e l’interazione tra soggetti di un’ampia comunità. Ci attendiamo - conclude Lomastro - una partecipazione entusiastica all'iniziativa da parte degli stabilimenti balneari di tutta la provincia di Taranto. Per partecipare o richiedere maggiori informazioni in merito, è possibile  contattare direttamente Made in Taranto tramite il sito www.madeintaranto.org".

Letto 1010 volte