Stampa questa pagina
Giovedì, 12 Febbraio 2015 07:12

"AS. Taranto Calcio" / Dopo verifica fiscale relativa al 2012 scatta il sequestro preventivo di 660mila euro a carico di due imprenditori tarantini In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

ESEGUITA DALLA GUARDIA DI FINANZA UN SEQUESTRO PREVENTIVO PER EQUIVALENTE  DISPOSTO DAL TRIBUNALE DI TARANTO

 

Nuove importanti novità si registrano nell'ambito di una verifIca fiscale effettuata dalle "fiamme gialle" nel 2012 sull'"A.S. Taranto Calcio". I  Militari del Comando Provinciale di Taranto stanno eseguendo un decreto di sequestro preventivo “per equivalente”, disposto dal G.I.P. presso il Tribunale, per un ammontare complessivo di circa 660 mila euro, connesso alle ipotesi di reato di dichiarazione infedele e falsità ideologica nei confronti di due  imprenditori tarantini.

Come spiegano gli stessi finanzieri in una nota stampa, l’attività costituisce l’ulteriore sviluppo di  una verifica fiscale eseguita nel 2012 nei confronti della società “A.S. Taranto Calcio”,  con particolare riferimento alla fase di passaggio dalla gestione di Blasi a quella di D'Addario, all’esito della quale era stato constatato che la società medesima non aveva assoggettato a tassazione I.V.A., per l’anno d’imposta 2010, ricavi derivanti da contratti di sponsorizzazione per complessivi 1 milione di euro, assicurandosi, così, un indebito risparmio di versamento all’erario di 200 mila euro.

Nel corso dell’attività di servizio era stata altresì rinvenuta documentazione extracontabile dalla quale è stato possibile ricostruire un prezzo di cessione delle quote dell’associazione sportiva, tra i due imprenditori coinvolti,  notevolmente superiore rispetto a quello che gli stessi avevano indicato nel formalizzare la compravendita.

Letto 548 volte
Giornalista1

Ultimi da Giornalista1