Martedì, 25 Novembre 2014 14:47

COMMERCIO - Contraffazione, mercato in espansione. Le contromisure di Confcommercio

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il mercato illegale non conosce crisi. Purtroppo la attuale fase recessiva che sta attraversando il Paese, sembra avvantaggiare il mercato illegale.

"Acquistare prodotti contraffatti come alimenti, capi di abbigliamento, calzature,  musica, videogiochi e tant’altro ancora, finanche prodotti farmaceutici e cosmetici, - sottolinea Confcommercio - per tre consumatori sui quattro rappresenta la normalità, nonostante  i rischi per la salute e la sicurezza. La Giornata della Legalità (26 novembre), appuntamento annuale di Confcommercio, è un occasione per porre all’ attenzione di istituzioni e media i  fenomeni criminali che più incidono sul terziario di mercato".

Contraffazione, abusivismo: il fenomeno è in crescita. Aecondo uno studio di Confcommercio, infatti, rispetto allo scorso anno l’acquisto di prodotti illegali e l’utilizzo di servizi erogati da soggetti non autorizzati è in aumento: il 27% dei consumatori – in prevalenza uomini - acquista griffe false e prodotti contraffatti.

"Contraffazione e abusivismo - aggiunge l'associazione di categoria dei commercianit - sono due delle varie forme di illegalità, spesso  volti della stessa medaglia, che più incidono  sull’andamento delle imprese del commercio, dei servizi e del turismo. Per il 60,8% delle imprese infatti la concorrenza sleale rappresenta una delle principali cause della riduzione dei ricavi e del fatturato, se non addirittura delle mancate vendite (per il 37,5%), e della difficoltà a mantenere i livelli occupazionali (15%).  I prodotti più acquistati sono abbigliamento (46,6%), prodotti alimentari (38%), accessori e occhiali (33%), calzature e borse (24%), farmaci e prodotti parafarmaceutici (21,2%). L’acquisto di un prodotto illegale purtroppo - conclude Confcommercio - è legato a comportamenti consapevoli per oltre il 32% dei consumatori nel 2014, contro il 19,8% del 2013, con un aumento del 12,3%. A conferma che il fenomeno è in crescita, nonostante che  il 56% conosca il rischio che tale acquisto comporta".

Su “contraffazione e l’abusivismo” sono  in programma iniziative congiunte   di sensibilizzazione dei consumatori,  a cura Confcommercio e Federmoda Taranto.

Letto 1089 volte Ultima modifica il Giovedì, 27 Novembre 2014 12:53