Mercoledì, 12 Novembre 2014 12:46

Marina di Lizzano/ La denuncia della consigliera comunale Saracino: "litoranea invasa dal mare, intransitabile e pericolosa in più punti" In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

 

Pubblichiamo di seguito la lettera che la consigliera comunale del Gruppo Sinistra Unita Lizzano, dott.ssa Ilaria Saracino, ha inviato al Comune di Lizzano, alla Provincia,  alla Regione e al prefetto di Taranto. Al centro della missiva ci sono le condizioni della litoranea salentina che, secondo la denuncia fatta dalla consigliera, in località Conche-Palmintiello, Marina di Lizzano, risulta essere "intransitabile e pericolosa".

Nei giorni di giovedì 6 e venerdì 7 novembre c.a. mentre la sottoscritta cercava di transitare sulla litoranea salentina nello specifico Marina di Lizzano, località Conche-Palmintiello, giunta all’altezza della doppia curva, dove il mare si ferma normalmente a circa un metro dalla strada, non è stato possibile transitare in quanto proprio in quel punto il mare aveva completamente invaso sia la strada sia il terreno agricolo posto di fronte. A dire il vero anche in altri punti il mare aveva invaso la strada della litoranea, ma di poco, invece lì nel punto citato sopra l’invasione era notevole tanto da non consentirne il transito. Questa è una situazione non nuova e che si protrae da anni e potrebbe prima o poi causare seri danni all’incolumità delle persone quali utenti della strada. Ma ciò sembra non interessare né all’Amministrazione Comunale lizzanese né all’Amministrazione Provinciale in quanto nessuno fino ad oggi è intervenuto. I due Enti, di cui sopra, non si sono neanche preoccupati di segnalare la situazione di pericolo e bloccare il transito.

Ovviamente la sottoscritta e il suo gruppo da tempo vanno denunciando queste seria situazioni di pericolo e vanno sollecitando l’Amministrazione Comunale e Provinciale sia nell’adottare provvedimenti urgenti per la salvaguardia delle coste soggette a erosione sia per spostare più all’interno quei tratti di strada della litoranea ormai raggiunti dal mare. Sino ad oggi però tali richieste e le stesse denuncie sono rimaste inascoltate e disattese. Forse la consuetudine vuole che prima di qualsiasi intervento di messa in sicurezza bisogna che si verifichi una tragedia?La sottoscritta insiste ancora una volta sulla richiesta di messa in sicurezza della litoranea salentina rammentando che già nel lontano 2001 furono redatti progetti cofinanziati da Comune e Provincia per la salvaguardia delle nostre meravigliose coste i quali progetti stranamente però non videro mai la loro realizzazione.

Si allegano numero tre foto dello stato dei luoghi effettuate in data 09/11/2014 ( due giorni dopo ) in cui sono visibili la sabbia e i residui trasportati dal mare sulla strada, è inoltre ben visibile la distanza del mare dalla litoranea in stato di bassa marea e mare calmo.

Distinti saluti                                                                         Cons. Com. Dott.ssa Ilaria Saracino

Letto 1051 volte Ultima modifica il Mercoledì, 12 Novembre 2014 12:57