Venerdì, 10 Ottobre 2014 11:12

TARANTO - Il Bibliopride alla biblioteca "Marco Motolese" In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Parte domani – sabato 10 ottobre – il programma di manifestazioni promosse a Taranto dall’AIB (Associazione Italiana Biblioteche) per BiblioPride 2014, la terza Giornata nazionale delle biblioteche che si tiene in Puglia, in particolare in diverse città scelte come simboli del valore sociale della biblioteca.

A Taranto, in particolare, l’AIB ha individuato la Biblioteca “Marco Motolese” come una struttura-simbolo per il BiblioPride 2014, una biblioteca che, ubicata nel cuore del Quartiere Tamburi di Taranto, rappresenta il seme della speranza in un futuro diverso e migliore per un quartiere che, nonostante spesso salga agli onori della cronaca per episodi negativi, ha nella propria comunità l’energia, l’ingegnosità e le competenze per costruire un avvenire migliore.

Evento clou del programma tarantino, con il quale prenderanno il via le manifestazioni nella nostra città, è il convegno nazionale “Le eco-biblioteche: l’apporto delle biblioteche alla tutela attiva e al risanamento dell’ambiente. Buone pratiche e problematiche”, che si svolgerà DOMANI, sabato 11 ottobre, alle ore 16.00 presso la Biblioteca “Marco Motolese”, un incontro nazionale fra le biblioteche italiane attive sul fronte dell’ambiente impegnando in modo particolare la rete bibliotecaria di cui è capofila l’ISPRA di Roma.

I lavori saranno aperti dai saluti del Sindaco Ippazio Stefano e di Vincenzo Baio, Assessore all’Ambiente Comune di Taranto, Claudio Fabrizio, Direttore Biblioteca comunale “Pietro Acclavio” e Angela Barbanente, Vicepresidente Regione Puglia, Michele Pelillo Deputato alla Camera.

Anna Laura Saso, dell’ISPRA, relazionerà su “L’esperienza delle biblioteche e dei centri documentazione ambientale della RETE ISPRA-ARPA-APPA”, Carmen Galluzzo, la responsabile Biblioteca “Marco Motolese”, su “Una biblioteca di frontiera nel quartiere Tamburi”, Pinuccia Montanari, dell’Università di Modena e Reggio Emilia, su “Esperienze di educazione ambientale attraverso biblioteche e centri di documentazione e ruolo delle fonti di informazione nel diritto ambientale” una testimonianza, Marino Ruzzenenti della Fondazione L. Micheletti su “Gli archivi ambientali presso la Fondazione Luigi Micheletti di Brescia” e, infine, Waldemaro Morgese, presidente AIB Puglia, su “La biblioteconomia sociale declinata come welfare ambientale”.

A seguire si terranno gli interventi programmati e il dibattito cui parteciperanno anche gli scrittori pugliesi Sergio Pargoletti, Daniela Spera, Don Antonio Panico,Ettore Raschillà, Tonio Attino, Angelo Di Leo, Michele Tursi, Roberto Nistri.

 
Letto 568 volte