Venerdì, 26 Settembre 2014 16:50

PROVINCIALI - IdeaLista: "Domenica voteremo per un ente inutile" In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ci si preoccupa di come sarà composto il prossimo Consiglio Provinciale di Taranto, di chi sarà il Presidente, di quali saranno i nuovi assetti nella geografia della politica ionica "ma nessuno si preoccupa di trovare una soluzione ai reali problemi che sono presenti nel nostro territorio". Attacca a testa bassa IdeaLista, il movimento politico di cui Andrea Convertini è il referente provinciale.

Le numerose vertenze lavorative aperte, le questioni ambientali, le difficoltà del porto nel trovare la sua giusta dimensione, gli esuberi della Terminal Container, le difficoltà di Teleperformance e quella della Taranto Isolaverde, fa presente IdeaLista, sono solo "alcune delle questioni sulle quali non è chiaro il ruolo di una politica, evidentemente autoreferenziale e troppo impegnata a risolvere le sue questioni interne". Per cui, si chiede IdeaLista, sarà capace il nuovo Consiglio provinciale "di trovare una soluzione a queste questioni? Le competenze restano tutte, con questa nuova riforma l’unica cosa che cambia è lo strumento antidemocratico di elezione".

Ecco perché IdeaLista, alla vigilia dell’appuntamento elettorale, ribadisce ancora una volta l’inutilità dell’ente Provincia e la propria contrarietà nei confronti di una riforma che era stata inizialmente pensata per l’abolizione ma che, poi,"non si è avuto il coraggio di attuare". E, seppure forza di centrodestra, Idealista "non è assolutamente disposta ad alcuna forma di larga intesa né in forma dichiarata e neppure in forma più o meno sottaciuta. La posizione di IdeaLista, a favore delle autonomia territoriali, punta allo snellimento della burocrazia, alla facilitazione, a forme di valorizzazione delle imprese, dei lavoratori, degli artigiani e delle partite Iva" mentre, invece, l'ente Provincia di Taranto in questi anni "è stato la dimostrazione del niente assoluto. Cosa si è fatto per le nostre scuole? Cosa per le nostre strade? Quali politiche in materia ambientale? Il nuovo Presidente avrà il modo per rispondere a questi e a tanti altri quesiti? Oppure il suo ruolo sarà finalizzato esclusivamente  alla salvaguardia della struttura provinciale fatta da dirigenti ed uffici inutili?".

Per questi motivi IdeaLista si tira fuori da questa scelta nazionale "e dal basso livello di discussione della politica locale" e invita la parte sana della politica provinciale "a non seguire le scelte delle fazioni, dei partiti o dei gruppetti, ma di esprimere in coscienza il proprio dovere di voto, seppure nella consapevolezza dell’inutilità di questo Ente". 

 
Letto 799 volte