Martedì, 23 Settembre 2014 18:35

AQP - Morosità incolpevole, via libera in Consiglio regionale In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

“Questa mattina durante i lavori del Consiglio regionale è stato approvato all’unanimità un ordine del giorno, che vedeva il sottoscritto come primo firmatario (Laddomada, Losappio, Negro, Pellegrino, Pastore, Romano, Zullo, Camporeale, Lemma, De Biasi, Damone, gli altri firmatari) contenente alcune disposizioni per la tutela delle famiglie con soggetti socialmente deboli nel rapporto contrattuale con l’Acquedotto Pugliese”.

Lo ha dichiarato il consigliere regionale Giuseppe Cristella (FI- PDL) in una nota.

“La Giunta regionale, nel rispetto dello spirito che ha animato tutti gli altri firmatari del suddetto ordine del giorno -  prosegue il consigliere - si impegnerà ad inserire nella Carta del Servizio Idrico Integrato la disciplina sulla “morosità incolpevole”, al fine di evitare  ingiustificati disagi morali e materiali agli inquilini in regola con i pagamenti della fornitura dell’acqua.
La Giunta regionale si impegnerà a invitare l’Aqp a stipulare, ove non siano esistenti, contratti di somministrazione individuale purché successivamente proceda, ove non installati, all’installazione di singoli contatori per evitare il fenomeno sempre più crescente di “morosità incolpevole”.
La Giunta, inoltre, promuoverà utili iniziative affinché l’erogazione del quantitativo vitale garantito non possa essere sospesa e s’impegnerà ad obbligare il gestore del servizio idrico, in caso di morosità dell’utenza, all’installazione di apposito meccanismo limitatore idoneo a garantire esclusivamente la fornitura giornaliera essenziale di 50 litri al giorno per persona.
L’odg – conclude Cristella - ha impegnato la Giunta ad adottare strumenti di finanziamento con l’istituzione di un Fondo Regionale di solidarietà a carico della fiscalità generale, finalizzato a garantire l’accesso all’acqua potabile alle famiglie morose che dimostrino di essere economicamente indigenti e non in grado di pagare le forniture di acqua potabile”.

Letto 674 volte