Giovedì, 18 Settembre 2014 09:42

Accorpamento Autorità Portuali, Laddomada: “Opportuno audire presidenti Autorità portuali e Sindaci città interressate” In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
foto di repertorio foto di repertorio

Mercoledì  in V Commissione era prevista Audizione dell’Assessore ai Trasporti e Lavori pubblici della Regione, in merito alla paventata volontà del Governo di accorpamento di Autorità portuali di alcuni Porti della Puglia.
Sul tema, anche alla luce dell’art.29 (Pianificazione strategica della portualità e della logistica) del DL 133/2014, il Consigliere regionale Francesco Laddomada - preso atto della volontà governativa di migliorare la competitività del sistema portuale, agevolare i traffici, promuovere inter-modalità e accorpare alcune Autorità portuali esistenti - non manca di rilevare come lo stesso Decreto preveda che, entro 30 giorni dall’entrata in vigore della Legge di conversione (qualora ciò si avveri), le Autorità portuali devono presentare alla Presidenza del Consiglio dei Ministri un resoconto degli interventi correlati a progetti in corso o da intraprendere; con facoltà della Presidenza del Consiglio – entro i successivi 60 giorni – di selezionare gli interventi più urgenti o alcuni ritenuti sostitutivi.
Il Consigliere Laddomada fa notare che, nell’ambito del Piano regionale dei Trasporti 2009-2013, era previsto il potenziamento delle strutture di supporto al traffico crocieristico per Bari e per quello di linea; mentre per il porto di Brindisi era stato previsto lo sviluppo per il crocierismo charter e low-cost, in modo da garantire la competitività dei porti di Bari e Brindisi e coordinarli con gli scali aeroportuali. Il Piano prevede altresì un Servizio marittimo – denominato “Metrò del Mare”- basato sulla messa in rete di alcuni Porti regionali pugliesi, adiacenti a Località costiere ad elevata vocazione turistica, quali il Gargano e la costa ionico-salentina. Il Piano prevede ancora la promozione di una navigazione interna con finalità turistiche e di trasporto pubblico locale sul lago di Varano e nei Bacini portuali di Brindisi e Taranto; ed inoltre: un sub-sistema del Levante (coordinato dall’Autorità portuale di Bari), un sub-sistema del Salento (coordinato dall’Autorità portuale di Brindisi) e un sub-sistema dello Ionio composto da Porto di Taranto integrato con i poli logistici ad esso connessi (piattaforma logistica Distripark, Scalo Cargo dell’aeroporto di Grottaglie e Centro-merci di Francavilla Fontana), anche perché il mercato del trasporto combinato mare-aria è in fase di crescita.
Laddomada condivide la richiesta di audire in Commissione, sia i Presidenti delle Autorità portuali di Bari, Brindisi e Taranto, sia i Sindaci delle rispettive Città, affinché la Commissione abbia contezza delle problematiche afferenti le Aree portuali, alla luce del Piano regionale dei Trasporti e dei nuovi indirizzi della normativa nazionale.
 

 

 

Letto 826 volte