Mercoledì, 10 Settembre 2014 07:59

TARANTO - ELEZIONI PROVINCIALI: APPELLO DI DANTE CAPRIULO AI CONSIGLIERI COMUNALI LIBERI (che vogliono far sentire la loro voce). In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

 

 

UNA SCELTA PER IL CAMBIAMENTO.

Il 28 settembre, nella nostra funzione di consiglieri comunali, saremo chiamati ad

eleggere il nuovo Presidente ed il nuovo Consiglio della Provincia di Taranto.

La riforma recente (introdotta con la legge n. 56 del 7/4/2014) appare monca ed

insoddisfacente, avendo creato un ente apparentemente depotenziato e non

chiaramente legittimato. Confidiamo che la prossima riforma costituzionale elimini il

livello istituzionale delle province.

Ciò nonostante la stessa nuova legge assegna, al momento, all’ente di 2° livello

alcune funzioni amministrative importanti che se adeguatamente utilizzate, in una

logica vera di “area vasta”, possono essere strumento utile per il miglioramento delle

comunità amministrate:

innanzitutto quella di cura dello sviluppo strategico del territorio;

poi quelle di pianificazione territoriale provinciale di coordinamento, nonché

tutela e valorizzazione dell'ambiente; di pianificazione dei servizi di trasporto in

ambito provinciale nonche' di costruzione e gestione delle strade provinciali; di

programmazione provinciale della rete scolastica e di gestione dell'edilizia scolastica;

di controllo dei fenomeni discriminatori in ambito occupazionale e promozione delle

pari opportunita'.

Premesso ciò, e tenuto da conto della drammaticità della crisi che investe la città e la

provincia di Taranto, in primis ambientale, sanitaria ed occupazionale, ogni spazio

d’azione istituzionale è utile vada utilizzato, per dare risposte alle istanze di

cambiamento radicali che percorrono la nostra comunità.

La prima sfida è stata quella di evitare che l’ente provincia fosse appannaggio di un

accordo”oscuro” che riguardasse solo le segreterie dei partiti. Pericolo che sembra

al momento scongiurato ma che può trovare nel segreto dell’urna rinnovato vigore.

Lo “stravagante” meccanismo elettorale avvantaggia le forze organizzate, i partiti più

grandi a scapito del protagonismo dei cittadini e dei consiglieri.

Considerato che l’incarico di consigliere va svolto a titolo gratuito, appare più utile

stare dentro la istituzione per portare avanti una istanza forte di cambiamento, di

rinnovamento, di un nuovo e diverso sviluppo delle comunità Joniche. Per evitare

che “inciuci” o “scambi”, piccoli o grandi, abbiano a concretizzarsi.

Sulla base di queste motivazioni, in questi giorni abbiamo fatto rete tra diversi

consiglieri di comuni della provincia di Taranto, ritrovandoci sulle modalità di

proposizione politica e raccogliendo la proposta del candidato presidente

Gianfranco Lopane, ed accettando la proposta di candidarci in una lista a suo

sostegno. Entrandoci con il nostro carico di proposte e di propositi di forte

cambiamento; per scelta tecnica, senza che questo impegni nessuno di noi ad

adesioni politiche con gli altri componenti la lista.

Per un progetto che vuole rappresentare il “NOI IN COMUNE”, per evidenziare

alcune caratteristiche fondamentali della nostra rete: dalla partecipazione (NOI), al

nostro impegno nei nostri COMUNI, alla difesa di quello che consideriamo BENE

COMUNE.

L’appello finale al SOSTEGNO è rivolto a tutti i CONSIGLIERI COMUNALI

LIBERI dei comuni della provincia di Taranto che vogliono provare a far sentire la

loro voce: per aumentare la nostra rete, per sconfiggere gli inciuci, per cambiare il

modo di fare politica.


Letto 1050 volte