Venerdì, 30 Agosto 2013 18:17

IMU E CRISI EDILIZIA: PER SCHIAVELLA, FILLEA CGIL L'IMU NON ERA LA PRIORITÀ' . I 4 MILIARDI POTEVANO ESSERE SPESI MEGLIO. In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Al di la del giudizio tecnico sulla efficacia e sulla equità  delle misure, quello che possiamo dire con certezza e ' che l'intervento sull'Imu  non è' fra le priorità del paese. Questo il giudizio di Walter Schiavella, segretario generale della Fillea Cgil, secondo il quale, nel pieno di una crisi spaventosa per il paese e, in particolare, per il settore delle costruzioni la vera priorità  era e resta il lavoro, la sua qualità  e la sua remunerazione.
Per il numero uno degli edili  Cgil almeno una parte degli oltre 4 mld postati per finanziare l'abolizione dell'Imu sarebbe stato meglio impiegarla per un intervento sul carico fiscale dei lavoratori dipendenti, lasciando la parte restante per un intervento selettivo nei confronti delle imposte sulla casa capace di salvaguardare i redditi piu' bassi  e di colpire la rendita. In proposito diventa sempre piu' urgente una riforma del catasto, sulla quale ci piacerebbe vedere lo stesso zelo dimostrato sulla vicenda Imu.
Per Schiavella possono scaturire le risorse per un grande piano di recupero del territorio e delle città   che, insieme al rilancio della spesa per le infrastrutture, puo' davvero far ripartire il settore. Per la Fillea le misure adottate nel decreto - seppur in alcuni casi utili, come quelle relative all'esenzione Imu su invenduto  e al sostegno cdp ai mutui -  da sole non bastano se non si ripristina la capacità  di spesa dei salari e se non si avvia subito una nuova fase di spesa per interventi pubblici di manutenzione e di piccole opere, attraverso lo sblocco selettivo del patto di stabilità . Per questo il numero uno degli edili Cgil non condivide l'entusiasmo dei costruttori anche perché  quel poco lavoro che da subito potrebbe ripartire attraverso le misure di questo decreto e di quello del fare (bonus energetici, ristrutturazioni, etc.) rischia di essere lavoro irregolare, grazie all'indebolimento delle norme sul Durc e sulla sicurezza. Mi sembra che anche questa volta non si sia usciti dallo schema che ha prevalso in questi ultimi anni - conclude Schiavella - ovvero prima i conti, poi le imprese e alla fine, solo alla fine, il lavoro.

Letto 1320 volte