Venerdì, 29 Agosto 2014 17:08

Rocco Ressa (PD)"l'unico baluardo a difesa dei cittadini sono i sindaci e i consiglieri comunali di tutta la Provincia" In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Riceviamo e pubblichiamo un intervento dell'ex sindaco di Palagiano Rocco Ressa, sulla direzione provinciale e più in generale sul PD

Un Partito che vuole essere popolare, di massa, un partito che pensa di avere la vocazione di rappresentare trasversalmente l’universo sociale, un partito che, forse ipocritamente, riconosce al suo leader capacità ed efficienza nell’azione, idee chiare e rivoluzionarie, non può vivere senza il contatto con i cittadini, con gli elettori con gli organismi dirigenti di cui ancora usa servirsi.
All'indomani dell’elezione del nuovo segretario provinciale e degli organismi dirigenti previsti statutariamente, molti di noi hanno pensato che, grazie anche alla rivoluzione operata a livello nazionale, fosse possibile un cambiamento di rotta anche qui a Taranto, luogo in cui coesistono da sempre meraviglie naturali e mediocrità delle classi dirigenti; eccellenze culturali e gineprai di signori e signorotti da vecchio regime.
Io ero fra quelli che, pur consapevole che il Congresso avesse consolidato il potere di chi già lo deteneva, con tutto il carico della responsabilità che ne derivava rispetto elle disgrazie abbattutesi su un intero territorio, per non essere sempre il bastian contrario, ho preferito tirarmi fuori dalla mischia e dare un qualche credito al nuovo corso nella speranza che, finalmente, il Partito Democratico tarantino esprimesse qualcosa di diverso, di nuovo, di utile.
A distanza di molti mesi, mi accorgo che la speranza è stata tradita dai soliti comportamenti di personaggi in corsa per l’esclusiva conservazione del potere senza, però, mai aver dato conto dei risultati ottenuti attraverso la gestione del potere stesso.
E’ così che il nuovo corso avviato da Matteo Renzi sembra essere per la nostra realtà provinciale solo un miraggio oppure un bel quadro, di cui però non possiamo che ammirarne i soli contorni perdendo così tutta la forza ideale della rappresentazione reale.
Per parafrasare Fernando Pessoa ne: il libro dell’inquietudine: è come se il nostro Partito vivesse sempre il presente (e male). Non conosce il futuro. Non ha più passato. Non abbiamo speranze collettive né nostalgie sicché ognuno si chiude nel suo guscio mentre qualcuno svolazza intorno al principe di turno in cerca di un posto al sole.
Di fronte alla prima decisione da assumere collegialmente ri-emergono le fratture non sanate e tutto quanto il velo di ipocrisia che abbiamo costruito negli ultimi anni; riemerge con evidenza plastica la goffaggine di comportamenti mal celati tesi a cercare consenso in ogni dove pur di accaparrarsi una più facile se non certa vittoria elettorale futura.
E noi, se siamo liberi, se rappresentiamo ancora un’idea, se vogliamo superare il muro dei personalismi, del vincere facile, se non vogliamo essere “asini portati a capezza”, se vogliamo godere della nostra libertà di pensiero, se vogliamo costruire una nuova classe dirigente, se vogliamo credere in noi stessi e nelle nostre idee, se abbiamo a cuore il futuro del nostro territorio e dei suoi cittadini, se vogliamo costruire con i cittadini un nuovo patto fatto di chiari contenuti, dobbiamo ergere barricate contro questo modo arcaico di gestione del potere e spezzare le catene che ci costringono a subire scelte non condivisibili.
E così, per non uscire fuori tema, la questione che ci occupa quest’oggi ci appare in tutta la sua evidenza. La scelta del candidato alla carica di Presidente della Provincia, per quel che varrà dal punto di vista istituzionale e fino a quando la riforma costituzionale non cancellerà completamente questi enti, non può che appartenere al mondo del Partito Democratico o a quello del centro sinistra. Le cosiddette “larghe intese” o “liste uniche” mentre risolverebbero, solo apparentemente, le mira di qualche personaggio politico, rappresenterebbero per l’intera provincia una minaccia per la governabilità.
Dopo la Direzione Provinciale del PD tenutasi ieri sera in un clima a dir poco kafkiano, quando non violento e minaccioso, l’unico baluardo a difesa dei cittadini e del territorio sono i Sindaci e i Consiglieri Comunali di tutta la Provincia. A loro e solo a loro spetta ora garantire il bene del territorio. Lo facciano senza alcun indugio.
Rocco Ressa

Letto 1036 volte