Martedì, 29 Luglio 2014 07:57

Taranto, Ilva e ...cambiamenti!!!! di Monica Arcadio In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il 26 luglio 2012 esplodeva l'inchiesta Ilva. Un disastro ambientale di immani proporzioni per Taranto, provocato dalla grande industria, dinanzi al quale si resta ancora inermi e sul quale la magistratura e' stata costretta a intervenire dopo le decine di denunce degli ambientalisti. Quel giorno, la deflagrazione dell'inchiesta Ambiente Svenduto sembrava portare a una vera e propria rivoluzione cittadina, una di quelle rivoluzioni che avrebbe consentito un reale cambiamento. Così ad oggi non è. Le istituzioni continuano a restare in silenzio, quelle stesse istituzioni coinvolte a pieno titolo nell'inchiesta, i tarantini - gli stessi delle contestazioni e della manifestazioni - non hanno saputo utilizzare il prezioso strumento del referendum,  gli ambientalisti sono divisi, il processo è alle fasi iniziali e la difesa ha chiesto la remissione del processo. In due anni sono cambiati i vertici Ilva, c'è stato il braccio di ferro tra magistratura e Governo, c'è stato il decreto Salva Ilva e poi ancora le polemiche, le manifestazioni, la guerra tra lavoratori che pretendono il loro diritto a lavoro e salute e quella parte di cittadini che chiede la chiusura della fabbrica e le bonifiche e poi c'è l'incertezza dei lavoratori, del loro futuro, delle loro famiglie,  c'è il problema degli stipendi e del prestito.Ci sono i giornalisti coinvolti e intercettati in quell'inchiesta-scandalo, quelli che avevano rapporti con Ilva, ma anche oggi come due anni le strumentalizzazioni di giornalisti che cambiano come cambia il vento  e pure tante. Un giornalista o è coerente oppure non lo è.  Punto. E come loro tanti politici vecchi e nuovi. C'è Taranto, terra di conquista di tanti, Taranto sedotta e abbandonata da chi ha lucrato e poi è andato via, Taranto nelle mani - e non da adesso - di amministratori incapaci, incompetenti e menefreghisti, Taranto che ha delle enormi potenzialità inespresse.. Ci sono Taranto e i morti che reclamano giustizia, bambini che non vivranno più la loro vita, che non avranno una vita. C'e' una città che avrebbe bisogno di riscatto, ma non combatte per conquistarlo.Taranto è Ilva, morte, diossina, inquinamento. Inquinamento del mare, delle cozze, degli allevamenti, dell'aria, delle vite umane. Inquinamento dell'anima e del cuore di ciascuno di noi. Ed è su quello che tutti noi dovremmo cominciare a lavorare perché solo lavorando su anima e cuore i tarantini potrebbero svegliarsi e risvegliarsi, riappropriarsi della loro identità e della loro città.  Taranto non può e non deve essere solo questo, perché Taranto è molto di più. La lotta non può e non deve essere di pochi, la lotta deve essere di tutti. Facile a dirsi..ma il cambiamento deve avvenire prima dentro di noi altrimenti Taranto resterà nella melma che la sta affossando e nella quale sta cercando di districarsi con enormi difficoltà....

Il mio "racconto" termina quì, certo non ha lo stile delle favole e soprattutto non c'e' il tradizionale finale "E vissero felici e contenti". E mi chiedo cosa ne sara' delle generazioni future.  Io spero che, prima o poi, per Taranto ci sia un nuovo inizio.

Letto 857 volte