Cookie Consent by Free Privacy Policy Generator
Preferenze sui cookie
Giornale di Taranto - INNOVAZIONE/ Tutela della Salute ambientale: col progetto Calliope 14 mln per Taranto
Giovedì, 09 Febbraio 2023 10:07

INNOVAZIONE/ Tutela della Salute ambientale: col progetto Calliope 14 mln per Taranto In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Tutelare meglio la salute ambientale, umana e animale. È la finalità del progetto “Calliope” finanziato al Comune di Taranto dal ministero delle Imprese (Mimit) con 13,8 milioni. “Entriamo in una rete davvero importante per l’innovazione tecnologica e Taranto lo fa con un progetto dedicato al benessere ambientale, delle persone e degli animali” ha detto oggi pomeriggio, in una conferenza stampa, il vice sindaco Fabrizio Manzulli. Il progetto è appena partito.

    “Con tecnologie avanzate, riusciremo ad effettuare analisi di dettaglio molto particolari per il suolo e la parte subacquea. Abbiamo partner importanti tra cui il consorzio Mistral e diverse start up internazionali”, ha rilevato il vice sindaco. “I tre hub fisici che realizzeremo, saranno un qualcosa che genererà cambiamenti importanti. Una delle sedi sarà all’interno del Distretto dell’innovazione che vede l’adesione di oltre 100 aziende - ha aggiunto Manzulli -. È un processo di diversificazione che rientra nel piano strategico per Taranto”.

 

- Il referente scientifico del progetto Calliope, Rodolfo Sardone, ha dichiarato: “Attiveremo una serie di innovazioni a tema “one healt”. Che è un concetto nuovo, definito dall’Organizzazione mondiale dalla sanità, che prevede un approccio multidisciplinare sulla protezione dell’omeostasi. Cioè dell’equilibrio tra i vari livelli di salute partendo da quella umana ma in totale armonia con quella ambientale e la salute animale. Strutturare interventi - ha proseguito -  che possano sviluppare dispositivi innovativi in un territorio come Taranto, che è ancora in una esperienza stressata dal punto di vista ambientale, può garantire nuove, potenziali risorse per monitorare l’one healt. Taranto si appresta ad essere la prima piattaforma in Italia in questo senso”.

    “I dati raccolti saranno validati prima di essere utilizzati nella prevenzione pubblica, capofila di questo progetto è l’Istituto superiore di sanità” ha detto ancora Sardone. Coinvolti 21 soggetti tra pubblico e privato. I tre hub saranno tutti a Taranto tra Palazzo di Città, San Vito-Lama e nel Distretto dell’innovazione a Taranto. “Abbiamo 24 mesi per i primi risultati, andremo a sviluppare dei prototipi che svilupperemo con le aziende partner: droni sottomarini specifici, droni per controllare gli indici della biodiversità, sistemi intelligenti di monitoring della salute umana”. 

Letto 553 volte